Lotta salvezza Serie A, combinazioni delle squadre per evitare di retrocedere

Serie A

Tre giornate alla fine, 7 squadre ancora coinvolte e oltre 43 milioni di combinazioni possibili nella corsa alla permanenza in Serie A: si parla di possibili incroci, probabilità e non possibilità che tuttavia non risparmiano la Fiorentina. Se l'Empoli terzultimo ha inevitabilmente la percentuale più alta di retrocessione, Montella non può ancora dirsi al sicuro

SERIE A, LA DIRETTA GOL DELLA 36^ GIORNATA

SERIE A: RISULTATI - CLASSIFICA - CALENDARIO

"15 milioni di possibilità, 1 ci salviamo". L’omaggio doveroso è all’ultimo capitolo della saga "Avengers", tributo all’universo Marvel che trova un curioso parallelo nel panorama calcistico. Si parla della lotta per non retrocedere in Serie A e di ulteriori finali possibili nel nostro campionato: sono oltre 43 milioni (43.046.721 per l’esattezza) le combinazioni possibili nelle ultime tre giornate, 270 minuti che metteranno la parola fine al discorso salvezza che viceversa ha già condannato Chievo e Frosinone. Si parla di probabilità e non di possibilità, guai tuttavia ad indugiare esclusivamente sull’Empoli terzultimo: lontano due punti dalla soglia salvezza, Andreazzoli risulta coinvolto nella corsa alla permanenza in A come la Fiorentina. Ebbene sì, pure la squadra di Montella mantiene una piccolissima percentuale (0,01%) di retrocessione, quanto basta per dare battaglia nel prossimo turno contro il Milan. Vietato rischiare per le 7 squadre prese in esame, lo dicono i numeri.

EMPOLI, 32 punti: 67,07% di probabilità di retrocedere

Inevitabilmente è la formazione di Andreazzoli, terzultima della classe, la prima indiziata a salutare la Serie A insieme a Chievo e Frosinone. Usciti vittoriosi contro la Fiorentina ritrovando un successo che mancava da 5 turni, i toscani lamentano un calendario complicato da qui alla fine: trasferte contro Sampdoria e Inter intervallate dal match casalingo con il Torino. Ecco perché la percentuale di retrocessione volta le spalle all’Empoli alla quale bisogna aggiungere un 7,72% di arrivo a pari punti con l’Udinese.

UDINESE, 34 punti: 18,90% di probabilità di retrocedere

Se la pole position in termini di combinazioni negative coinvolge l’Empoli, è il quartultimo posto dei friulani a consegnare una percentuale allarmante a Igor Tudor. Solo due punti raccolti nelle ultime 5 uscite dai bianconeri, bottino che concede due lunghezze di margine sulla terzultima piazza. Va detto che, tuttavia, i prossimi appuntamenti accostano l’Udinese ad avversarie dal destino già scritto (o quasi): si parte con la trasferta di Frosinone, poi l’impegno casalingo con la Spal già salva e si chiude in Sardegna contro il Cagliari che verosimilmente avrà già tagliato il traguardo per la permanenza in Serie A.

GENOA, 36 punti: 4,29% di probabilità di retrocedere

Ragionevolmente la percentuale da incubo cala se risaliamo la classifica: è il caso della squadra di Prandelli, quintultima con 4 punti di margine sull’Empoli e dai piccoli passi nel guadagnarsi la massima serie: vero, i rossoblù non vincono da 8 gare (2-0 alla Juve lo scorso 17 marzo), tuttavia gli ultimi pareggi imposti a Spal e Roma hanno spezzato la precedente serie negativa. Ed eccezion fatta per il prossimo esame a Reggio Emilia contro l’Atalanta, il Genoa se la vedrà prima a Marassi con il Cagliari e chiuderà sul campo della Fiorentina. Una coppia di avversarie decisamente più tranquille ma che ritroveremo tra i nostri calcoli.

BOLOGNA, 37 punti: 1,24% di probabilità di retrocedere

Determinante l’avvento di Mihajlovic sulla panchina emiliana, ritorno in rossoblù che dallo scorso 28 gennaio ha prodotto 23 punti in 14 giornate risollevando la classifica del club. E se lo stop a San Siro ha frenato una serie utile di 4 gare con 10 punti all’attivo, il Bologna può guardare con ottimismo ad un finale di stagione da archiviare senza ricadute: si attende il Parma quasi salvo al Dall’Ara, poi la trasferta contro la Lazio a caccia di un posto in Europa e si chiude in casa contro il Napoli sicuro della Champions. Va aggiunto uno 0,43% di percentuale insidiosa qualora il Bologna arrivasse a pari punti con l’Udinese.

PARMA, 38 punti: 0,22% di probabilità di retrocedere

Di emiliana in emiliana ecco la squadra di D’Aversa, abbonata ai pareggi (5 di fila) e lontana 9 turni dall’ultima gioia contro il Genoa (1-0 lo scorso 9 marzo). Sono 6 i punti di margine sull’Empoli terzultimo a 270 minuti dalla fine dei giochi, calendario che accosta il Parma ad una doppia trasferta (derby emiliano nonché scontro diretto a Bologna e per ultimo il match all’Olimpico contro la Roma) intervallata dall’appuntamento casalingo con la Fiorentina, un’altra squadra che mantiene irrisorie percentuali di bocciatura in Serie B.

CAGLIARI, 40 punti: 0,02% di probabilità di retrocedere

A +8 sul terzultimo posto con tre gare ancora da disputare, un patrimonio che per la maggioranza dei tifosi sardi significa permanenza certa in Serie A. E verosimilmente così sarà, peccato che esista una piccolissima percentuale di beffa per il Cagliari reduce dalle sconfitte contro Roma e Napoli. Pochi allarmismi per i sostenitori rossoblù, d’altronde le ultime fatiche della stagione riservano due impegni casalinghi (Lazio e Udinese) separati dalla trasferta a Marassi contro il Genoa. Un ultimo passettino per gli uomini di Maran e non ci sarà probabilità che tenga.

FIORENTINA, 40 punti: 0,01% di probabilità di retrocedere

Tre sconfitte di fila e 11 gare senza vittorie macchiano la seconda metà di campionato dei viola, affidati a Montella dopo l’addio di Pioli eppure in crisi di risultati. Come nel caso del Cagliari, la percentuale di bocciatura è davvero irrisoria: a livello aritmetico esistono circa 4000 combinazioni - difficili ma esistenti – che accostano i viola al baratro retrocessione. Ecco perché gli ultimi tre impegni contro Milan (al Franchi), Parma in trasferta e Genoa nuovamente in casa pretendono l’ultimo slancio per chiudere a testa alta il campionato: e per evitare clamorose sorprese che il calcolo delle probabilità contempla ancora.

SERIE A: SCELTI PER TE