Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
24 agosto 2019

Serie A, le nuove regole per il campionato: cosa cambia

print-icon

Al via la nuova stagione di Serie A, con alcune sostanziali novità in materia di regolamento. Vietato trascurare le normative promosse dall'Ifab: si va dai cartellini agli allenatori fino alle sostituzioni e alla nuova interpretazione del fallo di mano. Scopriamo meglio tutte le novità

ROMA-GENOA LIVE

LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA PRIMA GIORNATA

TUTTI I NUMERI UFFICIALI DELLA SERIE A

Sky Calcio: Serie A TIM 7 partite su 10 ogni turno

S’inizia alle 18.00 con l’anticipo Parma-Juventus, prima tappa della Serie A 2019-2020. Un campionato tutto da vivere quello ai nastri di partenza, torneo che ammette nuovi protagonisti in campo e in panchina nonché una sostanziale rivoluzione in materia di regolamento. Novità promosse dall’Ifab ovvero l’International Football Association Board, organismo che governa le norme del calcio mondiale, regole introdotte dal 1 luglio e già emerse durante le partite estive. Ecco quindi che, anche in Italia, gli arbitri fischieranno in modo diverso dalle situazioni di gioco ai provvedimenti disciplinari a carico degli allenatori a partire da questa stagione nel calcio internazionale.

Cartellini agli allenatori

Destinati non più solo ai giocatori, anche gli allenatori e gli altri membri dello staff potranno ricevere cartellini. Se in passato la sola possibilità era riprenderli verbalmente o allontanarli dalla panchina indicando la via degli spogliatoi, tutti gli allenatori ora potranno essere sanzionati con un cartellino giallo o rosso a causa di proteste eccessive. Se cumulati, i cartellini gialli porteranno alla squalifica che scatterà automaticamente in caso di espulsione diretta, come per i calciatori. Tutti i componenti della panchina saranno passibili di provvedimenti disciplinari: qualora il colpevole non fosse individuato dall'arbitro, sarà l’allenatore a doverlo indicare o a subire la sanzione poiché responsabile di tutta la panchina.

Calcio di rinvio

Sui calci di rinvio e sui calci di punizione difensivi in area non sarà più obbligatorio ricevere il pallone fuori dall’area di rigore. Il pallone infatti sarà in gioco appena calciato. Una modifica volta a velocizzare la ripresa del gioco e incoraggiare la tendenza a costruire il gioco dal basso, perché i difensori potranno toccare la palla anche all’interno dell’area. Gli avversari dovranno comunque restare all’esterno dei 16 metri, ma potranno entrare in area e intervenire appena il rinvio sarà stato eseguito. Occhio però: se i difensori accelereranno la ripresa non dando il tempo agli attaccanti di uscire dall'area e dovessero inavvertitamente favorirli gli attaccanti stessi potranno approfittarne, purché sia chiaro che gli attaccanti si stessero allontanando per uscire dall'area di rigore. Recentemente l'Ifab è poi intervenuta per vietare la restituzione del pallone da parte del difensore di testa o di petto o comunque non di piede al proprio portiere che gliela aveva alzato, giocata andata in scena in estate: si tratta di un comportamento volto ad aggirare la regola. Nessuna ammonizione però salvo recidiva, bensì la semplice ripetizione della ripresa di gioco.

Fallo di mano

Per provare a limitare il margine di interpretazione, scompare la volontarietà come condizione necessaria per la punibilità di un tocco di mano/braccio. Si chiarisce che è vietato il tocco col braccio che amplia l'ingombro del corpo in maniera innaturale, pure con il pallone forte e/o a distanza ravvicinata. Nelle scivolate sarà lecito il tocco col braccio in appoggio a terra, ma non quello col braccio disteso lungo il terreno a scivolata conclusa. Un giocatore che tocca il pallone con mani o braccia sopra l’altezza delle spalle, verrà invece automaticamente punito, a meno che - questo vale per tutti i tocchi di mano - non si sia calciato il pallone addosso con una giocata intenzionale (non deviazione) di piede o di testa. Più chiara e - si pensa- in linea con lo spirito del gioco la novità sui tocchi di mano in attacco: qualsiasi tocco di braccio o mano (anche del tutto accidentale) attraverso il quale si segna o si crea un’occasione da rete verrà infatti sempre sanzionato e le reti conseguentemente annullate. L'ammonizione scatterà solo in caso di gesto palesemente volontario.

Rigori

Durante i calci di rigore, i portieri dovranno stare sulla linea di porta e poi al momento del tiro avere almeno un piede sulla linea di porta stessa o in linea con essa se il piede è alzato. Come ha chiarito l'Ifab dopo il rigore decisivo della Supercoppa Europea, qualora la regola non fosse rispettata anche per pochi cm ("clear replay evidence"), il penalty parato dovrà essere ripetuto (Var decisivo in questi casi) e il portiere ammonito (salvo che nelle serie di rigori finali). In caso di rigore sbagliato (palo o fuori) l'indicazione varrà solo in caso di palese condizionamento dell'anticipo del portiere sul rigorista, in analogia con le infrazioni di chi entra in anticipo in area e viene normalmente punito solo se diventa decisivo sulla respinta.

Punizioni

La barriera con almeno tre difendenti non potrà "ospitare" calciatori della squadra che attacca. Si è trattato in passato di una strategia utilizzata per disturbare la vista del portiere: da adesso, invece, coloro che attaccano dovranno tenersi almeno ad un metro di distanza di lato davanti e dietro la fila dei difensori. Se un difensore si staccherà all'ultimo momento dalla barriera l'attaccante che gli si troverà vicino non potrà essere punito perché fa fede l'ultimo difensore "attaccato" alla barriera.

Sostituzioni

Il giocatore sostituito non dovrà più abbandonare il terreno di gioco nella zona centrale del campo, ma dovrà uscire dal punto più vicino rispetto alla posizione in cui si trova per evitare perdite di tempo. Questo salvo interventi della barella o salvo autorizzazione dell'arbitro a uscire da metà campo, ma velocemente.

Tocco dell'arbitro

Qualora il direttore di gara fosse toccato fortuitamente dal pallone e il pallone cambiasse possesso o comunque ne scaturisse una azione molto vantaggiosa sarà l’arbitro stesso ad interrompere il gioco riprendendolo con una rimessa e consegnando il pallone alla squadra che ne era in possesso. Se il tocco dovesse avvenire dentro l’area, la sfera sarà destinata direttamente al portiere. L’arbitro non sarà quindi più considerato parte del gioco.

Ripresa rapida del gioco

La squadra che subisce un fallo da ammonizione/espulsione potrà riprendere il gioco (battendo velocemente la punizione) prima che l’arbitro sanzioni l’avversario con un cartellino. Il direttore di gara ritarderà quindi il provvedimento disciplinare all’interruzione successiva. Se si trattasse di rosso per chiara occasione da gol il rosso diventerà giallo perché di fatto chi attacca ha deciso di "auto-ripristinarsi" l'azione da gol.

Retropassaggi

A partire dalla prossima stagione, nel caso in cui un portiere svirgoli il pallone dopo un retropassaggio, potrà rientrare in suo possesso utilizzando le mani senza che questo comporti l’assegnazione di un calcio di punizione indiretto alla squadra avversaria in area di rigore.

Sorteggio iniziale

Nel sorteggio "palla o campo" si potra' finalmente davvero scegliere se eseguire o meno il calcio d'inizio e non come era finora soltanto in quale meta' campo schierarsi

Portiere goleador

Coerentemente col divieto di segnare di mano, e' stata vietata una ipotesi di scuola poco conosciuta ma reale: il portiere non potra' segnare lanciando il pallone con le mani dopo una parata direttamente nella porta avversaria: sara' calcio di rinvio

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi