Milan-Inter, Brozovic e Lukaku: abbraccio dopo i gol. Conte: "Tra loro nessuno scontro"

Serie A

I due nerazzurri, a segno entrambi nel derby, si gettano alle spalle i dissidi vissuti contro lo Slavia Praga: bellissimo l'abbraccio dopo aver deciso insieme il successo ai danni del Milan. Conte: "Martedì non c'è stato nessuno scontro tra i due, solo un chiarimento verbale"

LIVE: LECCE-NAPOLI - BOLOGNA-ROMA - SAMP-TORINO

MILAN-INTER 0-2: GOL E HIGHLIGHTS

LE PAROLE DI ANTONIO CONTE LE PAROLE DI LUKAKU SU CONTE E LO SCUDETTO

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Il derby cura tutte le ferite. Nell'Inter, a dire il vero, ce ne sono state davvero pochissime in questo inizio di stagione. L'unico mezzo passo falso, maturato in Champions contro lo Slavia Praga, ha innescato un po' di tensione tra Brozovic e Lukaku, con il primo che non ha gradito i rimproveri del belga nello spogliatoio, durante l'intervallo. La vittoria ai danni del Milan, però, ha risolto anche questa breve e leggera controversia interna. Il croato ha aperto le marcature - con la decisiva deviazione di Leao -, mentre l'ex Manchester United ha chiuso i conti. Due gol, tre punti e poi un lungo abbraccio tra i due che ha messo definitivamente alle spalle quel battibecco. Per amore dell'Inter e anche di Antonio Conte, già "viziato" dalle reti dei due protagonisti. Sono 3 quelli realizzati da Lukaku, uno in più rispetto a Brozovic, a segno nella partita inaugurale contro il Lecce. Il centravanti ha confermato il feeling personale con l'allenatore che, nel post gara, è tornato sull'episodio accaduto in ambito europeo.

Conte: "Tra loro solo un chiarimento verbale. Ad averne di questi problemi..."

"Non c'è stato nessuno scontro tra i due - ha sottolineato il mister salentino -, solo un chiarimento verbale. Ad averne di questi problemi. A volte sono fin troppo bravi, mentre in campo spesso bisogna essere più smaliziati. Se a volte accade questo ben venga, significa che c'è sangue e voglia di migliorare. Il nostro è un gruppo sano, con tanta ambizione a crescere. Tante volte mi è capitato di litigare con un mio compagno di squadra, poi la sera ero a cena con lui".

I più letti