Inter, Conte: "Giusto essere realisti, ma noi possiamo cambiare il corso del destino"

Serie A

Le parole dell’allenatore nerazzurro dal palco del Festival dello Sport di Trento: "È giusto essere obiettivi, ma sognare non costa nulla. C’è un gap con Juve e Napoli, noi dobbiamo lavorare duramente, essere coraggiosi e non porci limiti"

RONALDO AL FESTIVAL DELLO SPORT: "L'INTER ERA CASA MIA"

LAUTARO: "CONTE CI HA FATTO MIGLIORARE"

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Consapevolezza dei propri mezzi e voglia di andare oltre ogni limite. Parole chiare quelle di Antonio Conte, che dal palco del Festival dello Sport di Trento organizzato da La Gazzetta dello Sport ha parlato dei suoi obiettivi alla guida dell'Inter. Reduce dal ko nello scontro diretto dell’ultimo turno contro la Juventus, l'allenatore ha conquistato 6 vittorie nelle prime 6 giornate di campionato sulla panchina nerazzurra e dopo 7 turni insegue i rivali bianconeri a un punto di distanza.

No limits

Parola d'ordine "lavoro" per Conte, che non si è nascosto: "È giusto essere obiettivi e guardare in faccia la realtà – ha esordito l'allenatore nerazzurro -, ma io sono dell'idea che credere non costi nulla, sia per i tifosi dell'Inter sia per quelli del Napoli e di altre squadre. Sin dall'inizio mi sono espresso, non ho atteso l'esito finale dello scontro con la Juventus per dire queste cose: rispetto a noi ci sono due squadre, innanzitutto la Juventus che è al top e poi anche il Napoli, che negli anni hanno costruito e hanno fatto molto di più. Il gap c’è, ma noi abbiamo iniziato un percorso attraverso il lavoro e la serietà con l'obiettivo di progredire nel tempo e diventare competitivi. Vogliamo dare soddisfazioni ai tifosi, per questo serve essere coraggiosi avendo sempre una visione chiara del presente e di cosa può diventare il futuro. Conosco solo un verbo, lavorare. e dobbiamo conoscerlo tutti quanti noi all'Inter. Quindi dobbiamo continuare a lavorare duramente per arrivare ad essere protagonisti. In tutto questo, però, non dobbiamo porci limiti. Dobbiamo riconoscere i differenti valori che ci sono, ma questo non significa non lottare. Restiamo realisti, ma consapevoli che possiamo cambiare il corso del nostro destino".

I più letti