09 ottobre 2016

Hellas, Pazzini non basta. Tris Perugia, Cosmi ko

print-icon
paz

Scatenato Giampaolo Pazzini, capocannoniere con 8 gol, ma il Verona pareggia al Bentegodi (Foto LaPresse)

Nell'8.a giornata della Serie B sfuma il sorpasso in vetta del Verona, frenato 2-2 dal Brescia. Primi stop per Benevento e Spezia, cade anche il Pisa. Pari al San Nicola, volano gli umbri al terzo successo di fila. Bisoli impatta al debutto, respira la Pro Vercelli. Trapani a picco: è festa a Latina

Sfuma il sorpasso al vertice per la corazzata Hellas, frenata sul 2-2 al Bentegodi dal sorprendente Brescia. Dopo 4 vittorie di fila e un immacolato trend interno (3 successi su 3), al Verona non basta nemmeno un Pazzini in formato monstre: terza doppietta consecutiva per il capocannoniere della Serie B, abile ad agguantare due volte i lombardi di Brocchi avanti con Caracciolo e l’ex Torregrossa. Quarto risultato utile per il Brescia che sfiora il colpo grosso ma staziona in zona playoff, mentre l’Hellas rimanda l’assalto al comando portandosi a -1 dal Cittadella sorpreso al Tombolato dal Frosinone. Non ne approfitta nemmeno il Benevento sconfitto nel derby campano all’Arechi: Della Rocca e Luiz Felipe (19enne al debutto) archiviano il 2-1 della Salernitana che compromette l’imbattibilità di Baroni, comunque ancorato al terzo posto a quota 14 punti.

Stop Spezia - Alle spalle della coppia di testa si mescolano le carte nell’8.a giornata della Serie B a partire dallo Spezia, imbattuto fino al blitz del Carpi: al Picco decide Lasagna (terzo gol nelle ultime 4 gare) che agguanta i liguri di Mimmo Di Carlo al quarto posto in classifica. Un gradino sotto troviamo l’Entella che impatta 1-1 al San Nicola contro il Bari: l’ultima magia di Brienza provoca la replica di Iacoponi (suo il 100.esimo gol ligure in Serie B), un punto che conferma le note positive della squadra di Breda. Chi vola è il Perugia al terzo trionfo consecutivo dopo il comodo 3-0 all’Avellino: Monaco e un doppio Di Carmine esaltano Bucchi e accendono l’entusiasmo del Curi. Cade invece il Pisa di Gattuso, sospeso tra il caos societario e disagi infiniti dalla scorsa estate che non stanno pregiudicando un campionato sorprendente: all’Arena Garibaldi l’acuto nel finale di Arini premia un’altra neopromossa, la Spal di Semplici.

Crisi Trapani - Terminata l’era Lerda a Vicenza, produce un punto l’avvento di Bisoli nel più classico degli amarcord: 4 anni in Romagna con 3 promozioni all’attivo (2 in Serie A), ricordi sbiaditi nello 0-0 al Menti che rimanda nuovamente il rilancio preteso da Drago. Sfrutta invece il fattore campo la Pro Vercelli trascinata dal gol di Legati: l’1-0 finale punta nuovamente il dito sullo spuntato attacco umbro, 4 gol in stagione come Vicenza e Trapani. Proprio i siciliani di Cosmi, nonostante la passione del proprio tecnico al centro di una settimana difficile, cadono al Francioni nella sfida tra le uniche squadre prive di vittorie nel torneo: Boakye ed Acosty sfatano il tabù del Latina e aggravano la classifica del Trapani, ultimo senza appelli.