17 novembre 2016

Bari, si opera Monachello. De Luca: "Vincere"

print-icon
Giuseppe De Luca - Bari

Giuseppe De Luca, attaccante del Bari che ha ritrovato Colantuono dopo l'esperienza all'Atalanta (Lapresse)

Monachello costretto all'intervento chirurgico, starà fuori a lungo. De Luca in conferenza: "Colantuono si fa rispettare. Contro il Carpi serve la vittoria, in qualunque modo"

Dentro e fuori dal campo, giornata importante per il Bari che si avvicina alla prossima gara di campionato, quella contro il Carpi domenica prossima alle 15. Le prime brutte notizie arrivano direttamente con un comunicato della società biancorossa che fa sapere che “in accordo con l’Atalanta Bergamasca Calcio, il giocatore Gaetano Monachello sarà sottoposto, nella prossima settimana, ad intervento chirurgico per un’ernia sport bilaterale evidenziata a seguito di specifici esami strumentali”. L’attaccante starà fuori dunque a lungo e Colantuono non potrà contare su di lui per le prossime gare. Chi in attacco è a disposizione e spera di tornare presto al gol è Giuseppe De Luca, che oggi ha parlato in conferenza stampa: “Non importa come, dobbiamo vincere. Un successo contro il Carpi sarebbe fondamentale per la classifica e per il morale”, esordisce il giocatore del Bari.

“Sono contento di aver ritrovato Colantuono dopo l'esperienza all'Atalanta e non nascondo che non avrei mai pensato di ritrovarlo a Bari un giorno”, prosegue De Luca a proposito della scelta del nuovo allenatore per sostituire Stellone. “Conosco i suoi metodi di lavoro e - aggiunge l’attaccante - sta aiutando parecchio tutta la squadra. Siamo entrati nella sua mentalità. Ha fissato delle regole ed è uno che si fa rispettare. Eravamo abituati ad un altro tipo lavoro ed ora con lui abbiamo variato. A partire dalla gara contro il Carpi, sono sicuro che avremo un altro tipo di intensità in campo e questo ci aiuterà molto”. De Luca poi si sofferma a parlare delle novità tattiche introdotte da Colantuono: “Il suo modulo mi ricorda più quello di Nicola che quello di Camplone, che voleva che gli attaccanti giocassero più vicini. Per il Bari ho sempre lottato e dato il massimo. La clausola è sempre stata una mia scelta ma non voglio pensare a maggio, il mio pensiero è esclusivamente rivolto alla partita di sabato. Abbiamo sette finali fino alla fine del girone d'andata, poi vedremo in base alla classifica che avremo in quel momento”.