09 dicembre 2016

Marino: "Pericolo Salernitana, Rosina uomo in più"

print-icon
Pasquale Marino - Frosinone

Pasquale Marino, allenatore del Frosinone secondo in Serie B (foto Lapresse)

L'allenatore del Frosinone presenta la sfida contro la squadra di Bollini in conferenza: "Due squalificati, poi ho tutti a disposizione. Non possiamo vincerle tutte, ma a La Spezia non abbiamo avuto lo stesso atteggiamento di sempre"

Obiettivo: primo posto. Difficile, ma non impossibile. Serve un passo falso del Verona a Vicenza ed una vittoria al Matusa contro la Salernitana nella prossima giornata di Serie B. Solo così, la squadra di Marino potrebbe tornare in testa alla classifica. "Dobbiamo dare quello che abbiamo sempre dato in queste ultime gare, abbiamo voglia di tornare alla vittoria e per farlo dobbiamo curare ogni particolare", ha detto l’allenatore giallazzurro in conferenza alla vigilia della sfida contro la Salernitana. Un Frosinone che "dovrà essere bravo a gestire sempre bene i momenti della stagione, sappiamo - aggiunge Marino - che dobbiamo fare un campionato di vertice ma questo non ci condizioni".

Tattica - "Dobbiamo essere bravi in entrambe le fase di gioco, sempre. Dobbiamo cercare di avere il pallino del gioco in mano per 90’. Ho solo due squalificati, da quando sono arrivato tutta la rosa ha sempre dato il massimo in allenamento mettendomi in difficoltà nelle scelte", ha proseguito l’allenatore del Frosinone.

Rosina e gli avversari - "Ormai nessuno gioca con la difesa a uomo, si gioca a zona sì ma questo non vuol dire che dobbiamo lasciare degli uomini liberi. Sicuramente Rosina è l’uomo con più fantasia della Salernitana, ma ci sono giocatori forti come Ronaldo, Della Rocca e Coda. A Bari hanno giocato bene, dovremmo stare attenti", ha sottolineato Pasquale Marino.

Fase offensiva - "A La Spezia abbiamo prodotto poco, ma domani non dobbiamo stravolgere le nostre idee di gioco. Al posto di Gori giocherà uno tra Kragl e Frara, poi c’è qualche altro ballottaggio. Rispetto alle trasferte precedenti, al Picco non abbiamo avuto lo stesso atteggiamento. Lo sappiamo, può capitare. Ci può stare nell’arco di un anno trovare una squadra che in una gara giochi meglio di noi. Non possiamo vincerle tutte", ha concluso l’allenatore del Frosinone.