23 dicembre 2016

Bari, Colantuono: "Serve il salto di qualità"

print-icon
colantuono_bari_lapresse

Stefano Colantuono, allenatore del Bari (La Presse)

"Con l'Ascoli mi aspetto una gara difficile, il tifo bianconero lo conosco bene e dà una grande carica, soprattutto ora che la curva è attaccata al campo e tutto è più amplificato". Così ha parlato l'allenatore dei pugliesi alla vigilia della sfida. I biancorossi si trovano all'ottavo posto in classifica con 27 punti

“Se vogliamo fare il salto di qualità dobbiamo fare bene in questa gara e nella prossima con la Spal. Non sarà facile perché affrontiamo una squadra ben strutturata”. Così l’allenatore della squadra biancorossa ha aperto la conferenza stampa alla vigilia dell’impegno contro l’Ascoli. I pugliesi sono attesi da due gare fondamentali per il futuro del Bari, che già a partire da domani vorrà allungare il suo momento positivo - è infatti reduce da due vittorie e un pareggio. "Se voglio trovare la prima vittoria esterna? Certo - ha aggiunto l’allenatore - ma per me e per noi non è un'ossessione ma sarebbe un colpaccio che ci darebbe entusiasmo. Così, che dicevo potremmo compiere il definitivo salto di qualità".

Gara difficile contro un grande Orsolini -
"Ma ad Ascoli mi aspetto una gara difficile: il tifo ascolano lo conosco bene, dà una grande carica soprattutto ora che la curva è attaccata al campo e tutto è più amplificato. Ovviamente dobbiamo migliorare in tante cose ma a Verona i ragazzi hanno fatto vedere una buonissima prestazione. Poi a Pisa abbiamo fatto un passo indietro ed ora il nostro compito sarà di invertire il trend dei risultati, giocando anche fuori così come facciamo davanti al nostro pubblico. Occorrerà un Bari sul pezzo perché i bianconeri attraversano un bel periodo di forma e per i miei sarà un bel banco di prova. C'è Orsolini, che reputo tra i migliori giocatori di categoria nel suo ruolo. Se vogliamo disinnescarlo, è normale che lo si debba anche attaccare".

Infortuni e formazione -
"Emergenza? Abbiamo ancora delle defezioni, tra intoppi fisici ed elementi in diffida non siamo proprio al massimo: dei centrocampisti solo Basha non rischia la squalifica e le scelte di formazione verranno fatte anche in base a questo, di certo saranno particolarmente oculate. Per quanto riguarda gli altri, Brienza alza il tasso qualitativo in maniera esponenziale e fa ancora di più la differenza vicino alla porta. Ha giocato da mezz'ala nell'utima partita ma poi la sua posizione si evolve e cambia anche nel corso della gara. E' libero di spaziare in campo. Maniero? Non è un problema, deve stare sereno perché potrà ritornare a fare gol solo giocando bene. Se giocano bene le punte, la squadra si esprime al meglio", ha concluso Colantuono.