Caricamento in corso...
09 luglio 2017

Palermo, Zamparini: "Sono un uomo onesto, dimostrerò la verità"

print-icon
Maurizio Zamparini - Palermo

Maurizio Zamparini, presidente del Palermo (Lapresse)

Il patron rosanero chiarisce con un comunicato ufficiale la sua posizione dopo l'inchiesta della Gdf: "Mai avute società in Inghilterra, sono una persona onesta. Questa società non è il mio giocattolo, torneremo in Serie A. Sicuramente con un altro presidente e, spero, un’altra proprietà"

Giorni difficili per il Palermo e il presidente Zamparini. A seguito dell'inchiesta in cui è stato coinvolto, il patron rosanero ci tiene a chiarire la sua posizione in seguito all'apertura di un'inchiesta con i reati di falso in bilancio, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio. Dopo la mancata cessione del club a Baccaglini, altri problemi per il Palermo. E attraverso un comunicato ufficiale apparso sul sito Zamparini ha parlato così dell'inchiesta della GDF. 

"Dimostrerò la verità"

"Mi sento in dovere verso me stesso, verso la mia famiglia e chi mi conosce già, di fornire le mie precisazioni in un momento in cui la stampa, stante la verifica in corso, mi dipinge come un possibile truffatore e maneggione. Con stupore venerdì scorso ho aperto la casa della mia famiglia ad Aiello del Friuli ad agenti della Guardia di Finanza per un ordine di perquisizione, tra lo stupore e la rabbia di mia moglie e mio figlio che non sopportano quello che nei fatti è una violenza: in un paese civile, a meno che tu non sia un delinquente, vieni convocato a mostrare tutta la documentazione relativa ai fatti sotto inchiesta. Dopo il primo approccio formale, mi ha fatto piacere il rapporto di umanità che si è instaurato quando penso si siano resi conto della mia massima disponibilità e soprattutto del fatto che non avessi nulla da nascondere. Alla fine di una giornata di collaborazione nei rispettivi ruoli, ci siamo salutati stringendoci la mano. Io rispetto il lavoro della magistratura e sono convinto, non avendo mai volutamente commettere alcun reato, che la verità darà soddisfazione alla mia onestà. Comincio però a leggere sui media notizie false: io non ho mai avuto nessuna società in Inghilterra. Tutti i movimenti di denaro miei e nelle società della famiglia sono trasparenti e verificabili".

"Mai avute società nel Regno Unito"

"Avendo venduto il mio gruppo nel 2000-2002 al gruppo francece Pinault Printemps Redoute per circa 800 miliardi di lire, tutta la provenienza dei miei investimenti proviene da quei fondi o dalle banche. Tutti i conti correnti personali e delle società della famiglia sono a completa disposizione degli inquirenti: non ho mai fatto utili con un euro di cosiddetto "nero", parola che non conosco. Non ho mai avuto alcuna società nel Regno Unito: né direttamente né in forma collaterale. Sono in difficoltà poiché aggredito da tempo dall’ Agenzia delle Entrate, non per evasioni ma per interpretazioni di parte delle regole. L'investimento del centro commerciale di Palermo, dove lavorano mille persone, che non ha prodotto ancora un euro di ritorno, è stato sanzionato con cartelle esattoriali per circa 20 milioni di euro per una interpretazione dell’Agenzia delle Entrate sulle procedure amministrative: non per evasione, né per un danno allo Stato, ma solo per produrre entrate a loro non dovute. Stiamo combattendo per difenderci da questa aggressione sperando di ottenere giustizia. Il Palermo Calcio stipendia circa 160 persone: fatto inusuale nella sua storia, mai abbiamo omesso di pagarli regolarmente. Tutti i fornitori vengono pagati nelle regole, così come tutte le imposte dovute. Tutta la nostra contabilità ed i nostri conti bancari sono in regola ed a disposizione degli inquirenti, così come tutti i professionisti esterni che da anni danno la loro consulenza".

"Il Palermo non è il mio giocattolo"

"Ho una grande autostima poiché a 76 anni non rinnego nulla della mia vita esemplare sotto il profilo umano e civile: oltre 3 mila dipendenti che hanno lavorato con me mi danno la loro gratitudine e stima, sfido a trovarne uno che sia stato da me trattato ingiustamente. Solo amore per tutte le persone, questo è il mio credo e chi mi conosce di persona lo sa. Ho dedicato con passione 15 anni della mia vita sportiva al Palermo, ho imparato a sentirmi a mio agio in una città che è bellissima così com'è, con la sua storia, i suoi pregi ed i suoi difetti, la sua gente e le sue usanze. Non c'è da cambiare nulla. Ho trovato tanta umanità specialmente nelle persone più umili e nei quartieri poveri. Ho conosciuto Biagio Conte che è esempio di amore incondizionato per tutta l'Italia. Accetto anche la contestazione poiché il calcio in Italia è così: se non vinci e retrocedi vieni contestato è mai perdonato, fino alla prossima vittoria: l'Atalanta ne è esempio, con unpresidente prima oltraggiato e poi osannato. Non ho mai considerato il Palermo, così come scrivono, il mio giocattolo: un soggetto che ha sottratto al tuo patrimonio 70/80 milioni di euro non può essere un giocattolo, e soprattutto considero il calcio un fatto sociale, in cui i tifosi devono essere in primo piano. Sto cercando con difficoltà investitori in Italia e all'estero, gente che dovrà assicurare investimenti come feci io all'inizio. Io ho pagato a Sensi 30 miliardi di lire equivalenti come potere di acquisto a 30 milioni di euro di oggi, con due giocatori in proprietà, perciò patrimonio eguale a zero ed ho cominciato a immettere già il primo anno l'equivalente di altri 30 milioni per costruire la squadra e la Società".

"Torneremo in Serie A"

"Non è ne è stato facile trovare investitori nel calcio del nostro Paese, ma per me è indispensabile: alla mia età ritengo insostenibile il mio ruolo nel calcio, specialmente in questo calcio che richiede notevoli disponibilità. Mi ero affezionato a Baccaglini e sono sicuro che gli inquirenti, avendo requisito tutti i documenti relativi alla storia Baccaglini, si renderanno conto che io ho sempre affermato la verità, con un mio unico torto: aver creduto ad interlocutori che nei fatti hanno disatteso tutti gli obblighi contrattuali, lavorando per di più contro la mia immagine, quasi come se l'insolvente fossi io. Alla fine dell'inchiesta darò la storia ai media perché la gente di Palermo ed i tifosi devono sapere. Il mio lavoro odierno nel Palermo Calcio è sorretto dall'obbligo di fare una squadra per ritornare in serie A. Naturalmente, come avevo detto a Baccaglini ed ora a Cascio, è necessario un intervento di capitali non per non fallire, come scrive qualcuno, ma per fare un mercato acquisti tenendo i più bravi e inserendo altri ottimi giocatori. Tedino e Lupo stanno lavorando sodo e sono convinti come me che ritorneremo in serie A. Sicuramente con un altro presidente e, spero, un’altra  proprietà".