user
21 settembre 2017

Perugia, Del Prete: "A Palermo ci è mancata la giusta furbizia"

print-icon
Del Prete osserva il rigore di Nestorovski, foto Getty

Del Prete osserva il rigore di Nestorovski, foto Getty

Il giocatore del Perugia è tornato a parlare della sconfitta subita a Palermo, sottolineando come sia mancata alla sua squadra quel pizzico di furbizia utile per uscire dal Barbera con un risultato positivo

E’ tornato in campo il Perugia dopo la sconfitta maturata contro il Palermo di Tedino nella gara valida per la 5ª giornata del campionato di Serie B. Seduta di scarico per i Grifoni che hanno cominciato la preparazione in vista del match che li vedrà impegnati contro il Frosinone sabato 23 settembre. Una gara delicata per gli uomini di Giunti che hanno tutta l'intenzione di riscattare il passo falso del Barbera.

Parla Del Prete

Sul match perso contro i rosanero è tornato a parlare il capitano Lorenzo Del Prete, amareggiato solo per il risultato piuttosto che per la prestazione. Tornato in campo dopo un lungo periodo, il giocatore degli umbri non intende soffermarsi troppo sul rigore concesso al Palermo, sottolineando invece le colpe della sua squadra, incapace di indirizzare la gara sui binari giusti. "Purtroppo non è andata bene – le parole di Del Prete sul sito del Perugia - anche se sono contento di aver ritrovato il campo dopo molto tempo. Dovevamo essere più furbi nell’indirizzare la gara sui nostri binari ma così non abbiamo fatto. La colpa è solo nostra, c’è rammarico e tanta rabbia per aver perso subendo pochissimo. Per quanto riguarda l’episodio del rigore, inizialmente pensavo non lo avesse dato. Credo che l’arbitro sia ritornato sulla sua decisione iniziale, mi ha detto che secondo lui il braccio aveva creato volume. Tuttavia, non è nostra intenzione attaccarci a questo. Certo, mi hanno fatto arrabbiare le mancate seconde ammonizioni di Struna nel primo tempo e Nestorovski nella ripresa. Tuttavia, venire a giocare su un campo come quello di Palermo non è mai facile. Parlo spesso con Pajac, è un ragazzo che si applica tantissimo: deve solo capire alcuni meccanismi della linea, secondo me può diventare un giocatore importante in quel ruolo. Ora siamo tanti anche in difesa, la società ha fatto un bel mercato".

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi