Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
02 novembre 2017

Palermo, Tedino sulla sfida col Pescara: "Zeman è unico, un maestro inimitabile"

print-icon

L'allenatore rosanero sulla prossima sfida col Pescara: "Zeman insegna calcio, è un'istituzione. Gioca col 4-3-3 e nel calcio si può rubare qualcosa agli altri. Posavec? Ho allenato tanti portieri forti, ma lui non è inferiore agli altri"

Esame importante per il Palermo, impegnato nell'anticipo del venerdì contro il Pescara. Gara difficile per la capolista, contro la squadra di Zeman. L'ha presentata così Bruno Tedino: "Sfida contro Zeman? E' un grandissimo insegnante – ha dichiarato l'allenatore rosanero - È un grande maestro col suo calcio propositivo, ricco di qualità. Ha spesso cercato di ricavare il massimo dai suoi giocatori, spesso riuscendoci. Parliamo di un'istituzione a 360 gradi per quel che riguarda il calcio, sono orgoglioso di potermi misurare con lui. Sicuramente è un allenatore che in molti hanno cercato di copiare, ma è unico. Zeman è inimitabile, poi ha sempre giocato col 4-3-3 e 'rubare' nel calcio può anche andar bene, ma l'elaborazione deve essere totalmente tua. Ha sempre fatto male agli avversari pur avendo rose inferiori dal punto di vista qualitativo, questo mi è sempre piaciuto di lui. Pescara? Noi siamo andati a Brescia con pochissimi giocatori, siamo andati a Foggia con una squadra che voleva riscatto, siamo andati a Frosinone con un grande pubblico che spingeva. Abbiamo sempre giocato contro avversari incazzati, l’unica partita in cui i tifosi e i giocatori non erano particolarmente grintosi siamo riusciti a vincerla. Troveremo un Pescara ancor più incazzato, siamo primi e siamo il Palermo e soprattutto loro vengono da un momento così così. Gara importante per la classifica? Mancano trenta gare, sono tantissime". 

"Posavec non è inferiore a tanti altri portieri"

Sulla situazione dei portieri, Tedino aggiunge: "Si è aggiunto anche Pomini per un problema alla caviglia, vedremo se sarà con noi per questa partita. Posavec? La continuità fa la differenza. Ho allenato Donnarumma, Meret, Audero e Scuffet, Josip non è secondo a loro. Anche Donnarumma è un portiere fenomenale, ma al Milan hanno preso in considerazione alcuni errori che ha fatto". Sulla formazione: "Ho provato Embalo a sinistra che ha preso due pallonate nel giro di due giorni e quindi ho preferito abbandonare l’idea. Mi sa che questa sia davvero una fascia maledetta. Carlos è un giocatore che mi sta dando delle soddisfazioni incredibili, sta diventando più razionale rispetto a quello che io avevo conosciuto, per noi sta diventando un giocatore irrinunciabile.Si tratta di un sesto uomo di basket che per noi risulta essere un qualcosa in più". 

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi