user
11 maggio 2018

Cremonese, Mandorlini: "Obbligatorio fare risultato"

print-icon
cremonese_squadra

La Cremonese è attesa dall'appuntamento con lo Spezia

"Ogni gara ha la sua storia e mi auguro che il finale sia diverso rispetto alle ultime due partite. Col Novara meritavamo di vincere, mentre con l'Empoli c'è il rammarico di essere passati in vantaggio. Siamo lì e siamo chiamati a uscirne" ha detto l’allenatore

"Il Venezia ha ancora questa possibilità di raggiungere la A diretta, ma penso sia difficile che ciò accada perché ci sono tante altre squadre. Vorranno però vincere lo stesso per provarci”. Con queste parole Andrea Mandorlini ha iniziato a presentare la gara di domani contro la formazione di Inzaghi. Contro il Venezia la Cremonese cerca punti, i grigiorossi dovranno cercare di tornare alla vittoria: “Stanno bene, sono in serie positiva: ho letto le dichiarazioni di Inzaghi, sono in forma e verranno a giocarsela. Non dovremo concedere ripartenze e hanno una difesa forte per qualità tecniche e fisiche. Segnano infatti spesso su palla inattiva, hanno convinzione dei propri mezzi: tutti elementi che ci fanno capire che per noi sarà difficile, ma lo dovrà essere anche per loro perché vogliamo lottare fino alla fine, abbiamo un obiettivo altrettanto importante. Siamo poi con i nostri tifosi nel nostro stadio. Abbiamo fatto molte cose ma dobbiamo ovviamente fare meglio. Mi piace il fatto che ci sia più equilibrio. Magari stiamo più bassi, ma mi sembra che la squadra sia più solida. Non conta chi ci sia in panchina, contano gli interpreti che l'allenatore ha a disposizione e le motivazioni: noi vogliamo la salvezza, poi si possono fare mille discorsi ma è la realtà dei fatti che conta. Dobbiamo assolutamente fare risultato”.

E poi, sulla possibile formazione: “Piccolo ha fatto tre giorni di allenamento con la squadra, ma viene da uno stop lungo e vedremo se impiegarlo dall'inizio. Sicuramente ha probabilità in più di giocare rispetto a Gomez e Castrovilli, anche se Gaetano accusa ancora un po' di fastidio e non so se sarà della partita. Abbiamo provato anche Cinaglia, però sente male al ginocchio e non è utilizzabile; Canini riprenderà il posto sulla destra ed è ovvio che essendo un centrale è più limitato e noi spingiamo di più dalla parte opposta: Perrulli si è ritrovato e dà vivacità alla manovra, e anche Renzetti dà buona spinta. In casa o fuori non penso ci sia molta differenza. Schiero i giocatori in base all'avversario e alle possibili situazioni di gioco: ogni gara ha la sua storia e mi auguro che il finale sia diverso rispetto alle ultime due partite. Col Novara meritavamo di vincere, mentre con l'Empoli c'è il rammarico di essere passati in vantaggio. Il calcio è fatto anche di questi momenti, adesso siamo lì e siamo chiamati a uscirne. Non mi sembra che i ragazzi abbiano sensazioni particolari adesso".

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi