user
15 agosto 2017

Bonucci: "Io come Pirlo alla Juve. Champions col Milan entro 4 anni"

print-icon
Leonardo Bonucci - Milan

Leonardo Bonucci, difensore del Milan (Lapresse)

A tutto "Leo". Il capitano dei rossoneri si racconta sulla Gazzetta: "Voglio restare a lungo, entro 4 anni voglio vincere la Champions e portare a casa tutto. La Juve? Scelta condivisa, hanno fatto le loro valutazioni e io ho agito di conseguenza"

Calciomercato l'Originale, dal lunedì al venerdì alle 23 su Sky Sport 1

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

Il suo trasferimento ha fatto scalpore, uno dei colpi dell’estate. Non l’ultimo di casa Milan. Calhanoglu, Andre Silva, Conti, Kessie e… Leonardo Bonucci. Proprio lui, l’ormai ex perno della Juve in tutti questi anni di successi e di vittorie. Ora, però, il centrale sarà il capitano del Milan e punterà a "vincere la Champions entro quattro anni". Ambizione e voglia di iniziare. E in un’intervista sulla Gazzetta dello Sport, Bonucci ha fatto il punto sulla stagione e sulle aspettative dei rossoneri, tornando anche sull’addio alla Juventus. Le sue parole. Così Bonucci sul passato bianconero: "Io posso mettere a disposizione carisma ed esperienza, ma è la squadra che ti fa diventare tale. Ho la fortuna di avere imparato da grandi leader come Buffon, Del Piero e Chiellini. Per il resto, il segreto è fare gruppo nelle piccole cose, nei dettagli. Il Milan merita di tornare in alto ed è questo che la società ci ha chiesto. La Juve è il passato. La ringrazio per quel che mi ha dato, con loro sono diventato uno dei migliori difensori al mondo, ma quando fai certe scelte poi ti prendi le responsabilità e hai le tue conseguenze. La Juve e Allegri durante l’ultima stagione hanno fatto scelte precise e io le ho fatte di conseguenza".

"Milan, entro 4 anni la Champions"

"Di certo le mie valutazioni non erano più quelle del passato, ma la scelta è stata condivisa con il club, quindi non è solo farina del mio sacco... Tutto parte da Oporto, ma c’erano stati alcuni episodi già prima, magari meno eclatanti. Allegri in Nazionale? Se così dev’essere, sarà. Siamo tutti professionisti, nessun problema". Ora i rossoneri: "Trovo molte analogie. Infatti ho scelto il Milan anche perché nella mia testa c’è l’idea di ripetere il percorso vissuto in bianconero, dove eravamo partiti da una rifondazione come in questo caso e siamo arrivati in alto. Ecco, qui voglio arrivare ancora più in alto. Nell’arco di quattro anni spero di arrivare a vincere la Champions. Voglio portare a casa tutto. Ho scelto i rossoneri perché aveva il progetto più ambizioso. Io vivo di sfide e Fassone e Mirabelli mi hanno fatto sentire importante e mi volevano fortemente, altrimenti la trattativa non sarebbe durata solo 48 ore. D’altra parte, gli amori o nascono subito, o non nascono mai. E non è certo una questione di soldi: a chi mi dà del mercenario rispondo che avevo richieste anche dall’estero, dove avrei guadagnato di più".

"Io capitano? Una responsabilità"

"In effetti mi ha fatto un po’ strano vedere la Juve davanti alla tv, ma ormai quello è il passato. Il mio presente e futuro si chiama Milan. Credevo ci sarebbe stato un po’ più di scetticismo nei miei confronti. Questo entusiasmo mi spinge a dare ancora di più. Non vedo l’ora di debuttare in questo stadio. Confesso che ho addosso un po’ di agitazione: San Siro è la storia e il giorno del preliminare, anche se non giocavo, è stata una delle poche volte in cui mi sono emozionato entrando in uno stadio. Mi piacerebbe tanto rivedere la stessa cornice di pubblico. Fascia? E’ una responsabilità importante, darò tutto me stesso per difendere questa maglia".

"Io come Pirlo alla Juve"

Continua Bonucci, capitolo mercato tra il Gallo e Aubameyang: “Belotti è uno che trascina, che lavora tanto. Non so se arriverà lui, ma chi dovesse arrivare si deve mettere a disposizione nelle due fasi. Una punta di alto livello ti facilita in tante cose, sarebbe la chiusura perfetta di un mercato stimolante ed entusiasmante". Bonucci vuole restare a lungo in rossonero: "Francamente in questo club mi ci vedo a lungo e questo mi stimola a essere ancora più "cattivo".  Spero di fare nel Milan ciò che Pirlo ha fatto alla Juve col percorso inverso. I fifosi della Juve? Se mi facessi condizionare dai commenti sui social, nel 2011 avrei lasciato la Juve e quest’anno non sarei venuto al Milan. Mi hanno insultato perché ho cambiato maglia, ma sui social la gente è libera di dire la propria e non provo rancore".

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI