Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
20 dicembre 2017

Calciomercato, Napoli preso Machach: un Zinedine dalla 'testa' calda

print-icon
mac

Il Napoli ha preso Zinedine Machach, centrocampista polivalente licenziato dal Tolosa. Tante le analogie con Zidane, dal nome al luogo di nascita passando per un... colpo di testa

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

Di nome fa Zinedine, le origini sono franco-algerine e il luogo di nascita è… Marsiglia. A primo impatto, si potrebbe pensare che il Napoli abbia messo le mani su Zidane, ma a guardare bene le caratteristiche di questo classe ’96, ci si accorge che parliamo di ben altro. Lui è Zinedine Machach, nuovo rinforzo per il centrocampo del club azzurro. Un’altra operazione lampo conclusa a zero per De Laurentiis e Giuntoli che, dopo Ciciretti, mettono le mani su un profilo interessante lasciato libero dal Tolosa e che il Napoli monitorava da più di un anno. Giocatore polivalente, può giocare da mezzala (preminentemente a sinistra) o trequartista, in virtù delle sue indubbie qualità tecniche. Un nome su cui puntare per il Napoli che lo girerà in prestito per permettergli di crescere e accumulare esperienza. Ma chi è questo ragazzo venuto da Marsiglia, con Zidane nel destino?

Napoli, preso Machach: un Zinedine dalla testa calda

Quante analogie con Zizou

I primi calci ad un pallone su un campetto di Marsiglia e il suo nome nel destino per volontà del fratello, innamorato di quel Zidane che, nel 1996, cominciava ad incantare Bordeaux. "Lui ha chiesto a mia madre di darmi questo nome. Mio fratello era un appassionato di calcio e io sono nato nel 1996, quando il giovane Zidane giocava nel Bordeaux. Si è trattata di una scommessa sicura". Troppo banale forse fermarsi a queste analogie, del resto accostare Machach e Zidane per delle semplici origini e lo stesso nome, potrebbe essere esercizio troppo semplice. Allora perché non parlare dell’epilogo, di un... colpo di testa che, al momento, segna il punto di non ritorno di entrambi. Se però il contatto tra il francese e Materazzi è passato alla storia, quello tra Machach e l’allenatore delle riserve del Tolosa non ha avuto la stessa ridondanza. Un colpo (senza testimoni) rifilato secondo i media transalpini all’allenatore delle riserve della squadra francese, colpevole di non averlo scelto tra i rigoristi in un match contro l’Alès. Il risultato? Licenziamento in tronco e storia con il Tolosa conclusa, epilogo che sorride adesso al Napoli, pronto a prenderlo per rinforzare il centrocampo di Sarri. Cresciuto nello Sporting Club di Bel Air, a 15 anni Machach passa al Cannes, per poi accettare la proposta del Marsiglia. Problemi contrattuali però lo spingono al Tolosa, iniziando al meglio una storia conclusasi poi in maniera burrascosa. Machach rappresenta il profilo di centrocampista polivalente, abile a giocare sia da mezzala (preminentemente a sinistra), che da trequartista, in virtù della sua notevole qualità tecnica. Fisico possente, non spiccata velocità nei primi metri di corsa, ma grande capacità nella protezione della palla: sono queste le caratteristiche principali di un giocatore che, alle indiscusse doti tecniche, abbina anche un carattere abbastanza difficile da gestire. La lentezza nei movimenti potrebbe indurre in errore, dal momento che quando Machach parte in progressione non è facile da contrastare. Ha un buon tiro, che gli permette di essere molto pericoloso anche dalla lunga-distanza ed è in possesso di una notevole visione di gioco, aspetto che gli consente di essere decisivo dalla trequarti in avanti. A giocare a suo sfavore, il carattere bizzoso, causa della rottura con il Tolosa. Proprio in questa crepa si è inserito il Napoli che si è convinto a correre questo rischio e a regalare a Sarri un Zinedine che possiede tutte le... analogie per sorprendere.

Speciale Calciomercato 2018

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI