21 settembre 2017

Innsbruck 2018, un Mondiale per scalatori: che chance per Nibali e Aru

print-icon
mon

Il percorso dei Mondiali 2018 (Twitter)

E' stato svelato il percorso che assegnerà la maglia iridata tra 12 mesi in Austria: presente una salita finale con pendenza massima del 25%. Dopo tante prove allo sprint, finalmente un terreno favorevole alle due punte di diamante azzurre

MONDIALI, CALENDARIO E RISULTATI

Uno dei Mondiali più duri di sempre. E' questa l'opinione diffusa dopo che l'UCI ha svelato il percorso della manifestazione che assegnerà la maglia iridata il 30 settembre 2018 a Innsbruck, Austria. D'altra parte parliamo di una corsa in linea di 265 km complessivi, con un dislivello di 4670 metri e una salita finale da brividi. La prova uomini Elite vedrà il gruppo compiere 90.6 km, poi 6 giri del circuito caratterizzato dalla salita di Igls (7.9 km al 5.7%), prima di spostarsi su un tracciato conclusivo (31 km), che avrà come protagonisti ancora Igls e il temibile Gramartboden, uno strappo di 2800 metri all’11.5% di pendenza media, con punte addirittura al 25%. Roba da Mortirolo, Angliru e Ventoux, tanto per gradire. Il Mondiale (22-30 settembre) sbarca in Austria per la terza volta dopo Villach nel 1987 e Salisburgo nel 2006. Come grado di difficoltà, ricorda molto quelli di Sallanches 1980 e Duitama 1995. Se a Bergen è previsto l'ennesimo arrivo in volata, a Innsbruck la maglia iridata sarà un affare tra scalatori: Aru e Nibali, grandi assenti della spedizione azzurra in Norvegia, affilano i tubolari. 

UCI, Lappartient nuovo presidente

Il congresso dell'Unione ciclistica internazionale (UCI) ha eletto il francese David Lappartient presidente per il prossimo quadriennio con 37 voti contro 8. Il dirigente transalpino subentra a Brian Cookson. Entra nel nuovo Direttivo il presidente della Federazione italiana, Renato Di Rocco, eletto durante il congresso che si è tenuto a Bergen in Norvegia, dove si stanno svolgendo i Mondiali. Di seguito, l'elenco completo dei membri. Europa: Renato Di Rocco (Italia), Harald Hansen (Norvegia), Toni Kirsch (Germania), Artur Lopes (Portogallo), José Luis Lopez Cerron (Spagna), Igor Makarov (Russia) e Tom Van Damme (Belgio). Asia: Amarjit Singh Gill Darshan Singh (Malesia). Africa: Mohammed Benelmahi (Marocco). America: Bob Stapleton (Usa). Oceania: Tony Mitchell (Nuova Zelanda).

I PIU' VISTI DI OGGI