user
06 settembre 2018

Consigli fantacalcio: i portieri della serie A secondo Superscudetto

print-icon
Gianluigi Donnarumma

Gianluigi Donnarumma è una delle alternative più intriganti per il Superscudetto (foto Getty)

Senza Buffon e Alisson come cambiano gli equilibri di forza tra i portieri del fantacalcio? Donnarumma e Handanovic potrebbero regalare soddisfazioni e bonus. In casa Napoli difficile dire se Meret sarà di primissima fascia. Ecco i portieri consigliati tra top, low cost e possibili sorprese

SUPERSCUDETTO, CREA LA TUA LEGA

La Serie A ha salutato due portieri che avrebbero fatto comodo al fantacalcio. Buffon è andato in Francia mentre Alisson è volato in Inghilterra. Due portieri con due storie abbastanza differenti nella fantastagione. Si sapeva infatti che il Gigione nazionale non avrebbe giocato tutte le gare di campionato. Tutto ciò aveva avuto un’influenza positiva su Szczesny che qualcuno si sarà preso a pochi crediti e che avrà schierato in partite ‘comode’ (dato che Allegri lo aveva gestito così). Alisson invece si è guadagnato voti alti e clean sheet spesso grazie al talento individuale e non perchè davanti a lui ci fosse su una difesa impenetrabile.

Cosa succederà quest’anno? Con 28 partite già disputate si possono iniziare a fare alcune considerazioni tenendo sempre a mente una cosa: quel che è successo nei primi 270’ non è un’indicazione sicura di ciò che accadrà nelle restanti gare della stagione. Quindi occhio a giudicare troppo in fretta. I nostri consigli in materia di portieri valgono sia per Superscudetto, il fantacalcio di Sky, sia per le aste delle leghe private che potete creare sul nostro sito. Attenzione anche alle varie quotazioni: come vedremo, in certi casi il prezzo è dovuto alla fascia della squadra di appartenenza ma in altri casi un’analisi attenta delle qualità individuali di un portiere potrebbe modificarne giudizio e budget da investire.

Iniziamo con un derby: da una parte c’è Strakosha e dall’altra c’è Olsen. Nelle varie quotazioni il giallorosso tende a costare di più rispetto al laziale dato che la difesa della Roma, anche grazie ad Alisson, lo scorso anno fece molto meglio di quella guidata da De Vrij. Ci sono però alcuni aspetti, emersi in queste prime 3 giornate, da non sottovalutare. Aspetti che, alla lunga, potrebbero ribaltare le quotazioni: insomma (teoricamente) potremmo arrivare a dire che dovrete investire più crediti su Strakosha rispetto ad Olsen.

Prendiamo il gol annullato a Gonzalo Higuain in Milan-Roma. L’attaccante argentino, scattato in leggero fuorigioco, si presenta al limite dell’area e batte Olsen. Il problema in questa descrizione è quando abbiamo detto ‘al limite dell’area’. Il leggerlo vantaggio sulla posizione di partenza di Higuain non cambia la ‘visione’ del portiere: è un lancio in profondità con il primo controllo del ‘Pipita’ appena fuori dall’area. Lo scorso anno Alisson avrebbe spazzato senza problemi; addirittura avrebbe provato ad uscire palla al piede. In ogni caso, con tutta probabilità, avrebbe anticipato Higuain dato che era (e resta) un portiere che sta ‘alto’. Abbiamo invece visto come Olsen sia un portiere che ama molto restare in porta. Per tutta una stagione la difesa della Roma ha lavorato con un portiere-libero. Una difesa molto alta si deve affidare anche ad un ‘guardameta’ che sia abile con i piedi ma che soprattutto ‘segua’ il movimento della linea difensiva. Tutto ciò porta a due considerazioni: se Di Francesco riuscirà a modificare le abitudini di Olsen, lo svedese sarà un ottimo investimento, in caso contrario i giallorossi rischiano di incassare più gol e (ancor peggio a livello fantacalcio) la responsabilità spesso e volentieri sarà della mancata uscita di Olsen. Strakosha invece non è appena arrivato e Inzaghi ha avuto molto più tempo per inserirlo negli schemi e negli aggiustamenti difensivi. Certo è che i 49 gol presi dai biancocelesti nella scorsa stagione restano un po’ troppi ma per chi avrà l’asta del fantacalcio in questi giorni c’è da dire (egoisticamente) che Immobile e i suoi hanno già affrontato sia la Juventus che il Napoli. Cosa da non sottovalutare. A livello tattico invece c’è la possibilità che Inzaghi decida a volte di giocare con il doppio mediano: Badelj è sicuramente un ottimo rinforzo e non è esclusa la convivenza con Lucas Leiva. Sarebbe un 3-4-2-1 con il giusto mix di potenza offensiva e attenzione difensiva. Anche in questo modo si potranno evitare quei 49 gol dello scorso anno.

Top, Medi, Low Cost e ‘Sleepers’

I consigli sui portieri da prendere all’asta del fantacalcio devono gioco forza fornire una lista che divida la categoria in base alle aspettative stagionali che poi dovranno essere tradotte in quotazioni d’asta. Abbiamo anche introdotto una categoria ‘made in Usa’. Le possibili sorprese solitamente si dividono in due categorie: quelli che nella scorsa stagione sono andati male e che quest’anno potrebbero invece fare molto bene, e quelli che in pochi considerano ma che, per un motivo o per l’altro, sono caldamente consigliati. Quest’ultima categoria è appunto quella degli ‘sleepers’ ed è sempre tra le più ricercate nei vari 'fantasy' americani. Passiamo quindi al tanto agognato elenco:

Categoria Top

Szczesny: portiere più che affidabile in un contesto difensivo pazzesco. Considerando le ultime 3 stagioni prima di questa, la Juventus in 114 gare ha tenuto a zero gli avversari in 62 occasioni. Avere il oltre il 54% dei clean sheet su un numero così alto di partite non è cosa da tutti. 

Handanovic: ha iniziato la stagione con quell’errore in uscita su Belotti. Contro il Sassuolo stava per neutralizzare il rigore di Berardi mentre a Bologna a registrato il primo clean sheet stagionale. Lo scorso anno con Spalletti, i nerazzurri hanno quasi raddoppiato le gare senza concedere gol passando da 9 nella stagione 2016-2017 a 17 nella scorsa annata. Magari il buon Samir non avrà una media voto spaventosa ma squadra e numeri sono dalla sua.

G.Donnarumma: Gattuso è alla sua prima stagione ‘completa’ e tra le sue peculiarità c’è sicuramente l’attenzione difensiva. Probabile che il Milan aumenti notevolmente il numero di clean sheet rispetto alla scorsa stagione (quando chiuse a 12). In più Donnarumma è uno di quei portieri che spesso e volentieri piazza la paratona che salva il risultato, con ottime conseguenze in sede di pagelle.

Fascia medio alta

Strakosha: in virtù dell’analisi fatta in precedenza è sicuramente un colpo da piazzare. I numeri della scorsa stagione potrebbero scoraggiare qualche vostro amico dal contendersi all’asta il portiere della Lazio. Approfittatene.

Lafont: quella viola è una difesa che raramente va in bambola concedendo goleade. Al momento il giovanissimo neo acquisto è infortunato e tornerà tra qualche settimana. Non è totalmente una cattiva notizia per i fantallenatori: quando verrà chiamato buttate lì un ‘è infortunato vero?’ in modo da tagliare fuori eventuali acquirenti spaventati dall’infortunio. Il ragazzo promette molto bene.

Sirigu: ha iniziato la stagione con due clean sheet e con due reti prese in una partita molto a rischio. Ad averlo in squadra nelle prime tre giornate, in molti (potendo) avrebbero evitato di schierarlo contro l’Inter. In più Mazzarri quest’anno arriva da un’annata nella quale ha potuto oliare bene i meccanismi della sua difesa a tre. Non siamo più in quel regime di sperimentazione che poteva riservare sorprese negative. Se il prezzo all’asta fosse buono è da prendere.

Low Cost e Sleepers

Sorrentino: usato sicuro e spesso anche molto economico. Il portiere del Chievo certamente va accoppiato con altri titolari ma specialmente nelle gare casalinghe può essere una piccola garanzia.

Provedel: discorso complicato per il portiere dell’Empoli. Nelle prime uscite Terracciano ha portato a casa due clean sheet e l’Empoli si candida ad essere una bella sorpresa di questo campionato. Come detto però attenzione a credere che da qui in avanti la storia si ripeta. Il titolare dovrebbe essere Provedel, che è reduce da un infortunio. Le prestazioni di Terracciano però potrebbero innescare un ballottaggio. Acquisti da ponderare molto bene; il rischio di prendere ‘quello sbagliato’ (ovvero il panchinaro) c’è eccome.

Berisha e Perin: due sleepers da tenere in considerazione. Difficile che la Juventus schieri sempre e comunque un solo portiere. Se Allegri dovesse fare come lo scorso anno, a Perin toccherebbero gare sulla carta non complicatissime. Discorso diverso per Berisha. Dopo l’eliminazione dall’Europa League l’Atalanta si trova con una rosa ampia e il ballottaggio in porta è sempre stata fin qui una costante. Alla fine potrebbe spuntarla l’albanese ma il fatto che ci sia ancora più di un dubbio dovrebbe abbassarne il prezzo.

Musso e Milikovic-Savic: il portiere dell’Udinese non ha ancora messo piede in campo a causa di un problema ma dopo la pausa farà il suo esordio in campionato. Si parla molto bene dell’argentino e l’Udinese ha sempre scoperto ottimi portieri. Qualcuno potrebbe dimenticarselo all’asta del fantacalcio. Voi non fatelo. Vanja Milinkovc-Savic è una pura scommessa fantacalcistica. Non è detto che riesca a diventare titolare ma potrebbe portarvi in dote qualche gol dato che ricordiamo tutti il suo missile su punizione in Coppa Italia che spaccò la traversa.
 

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi