Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
11 maggio 2019

Consigli Fantacalcio: i "campo o panca" della 36^ giornata

print-icon

Ogni giornata nasconde insidie, rischi e turnover ma ci sono anche i dati che ci aiutano a capire chi dovrà essere un titolare inamovibile della nostra fantasquadra. La nostra fantarubrica passa in rassegna 10 nomi equamente suddivisi tra campo e panchina

LE ULTIME NEWS DAI CAMPI

GUIDA AL FANTACALCIO

E’ un finale di campionato che per ora regala più certezze del solito. Spieghiamo meglio. Ci sono varie squadre tranquille, senza patemi di classifica e di obiettivi. Squadre che potrebbero provare uomini e soluzioni alternative, magari lanciando più di un ‘non titolare’. Invece per ora, a parte qualche caso isolato, quelli che solitamente erano nelle varie formazioni titolari, lo sono ancora. Questa settimana, qualche ‘top player’ partirà dalla panchina ma anche in questo caso (vedi Immobile) la notizia è arrivata per tempo e quindi i fantallenatori dovranno sì rimpiazzarlo a malincuore ma almeno l’hanno saputo con un po’ di anticipo senza che fosse una sorpresa dell’ultimo minuto. Con tanti squalificati ci sarà spazio per qualche seconda linea o, in alternativa, gente che si è trovata spesso in ballottaggio, non lo sarà per mancanza del diretto concorrente appiedato dal giudice sportivo

Ecco quindi una panoramica su chi mettere in campo e chi lasciare in panchina al fantacalcio. Prima del listone sono necessarie due premesse:

  • Giocatori come Piatek, Quagliarella o Cristiano Ronaldo spesso non verranno citati in quanto sono quasi sempre da mettere. Saranno presenti nelle liste solo in caso di "panca" oppure come consigliati in un match particolarmente difficile.

  • Nelle varie motivazioni cercheremo di supportare la spiegazione e il consiglio anche con dati statistici sulla base di quanto una squadra crea e di quanto un’altra concede

 

CAMPO

Titolare della Settimana – Lautaro Martinez vs Chievo

Il grosso dubbio in casa Inter riguarda la punta da schierare contro il Chievo. C’è ballottaggio e nell’ultimo turno contro l’Udinese toccò a Lautaro una maglia da titolare. Spalletti alterna o ha scelto la prima punta titolare? Nel primo caso toccherebbe a Icardi, nel secondo al ‘Toro’. Martinez va detto che rispetto a Icardi tocca mediamente più palloni, soprattutto nell’area avversaria. Non è solo finalizzatore ma entra spesso nella catea di passaggi che porta a un tiro o a un gol. In più tira mediamente di più rispetto all’ex capitano nerazzurro. Dovesse partire dalla panchina, Spalletti ha fatto vedere che 20/25 minuti non lo nega a nessuno dei due attaccanti.

Gregoire Defrel vs Empoli

E’ tornato vicino ai numeri di inizio stagione. Non magari quanto a +3 portati a casa (contro Napoli e Frosinone segnò 4 reti in due gare) ma nella media voto delle ultime uscite, unita alla produzione offensiva che vede coinvolto l’attacco blucerchiato. Samp che è attesa dalla sfida interna contro un Empoli che deve necessariamente vincere. I numeri dicono che entrambe le squadre (tra gol fatti e subiti), hanno prodotto più di 100 reti e il 4-2 dell’andata dovrebbe darci un’indicazione abbastanza chiara. L’Empoli per vincere dovrà farne uno in più e non prenderne uno in meno.

Josip Ilicic vs Genoa

Tre squalificati tra cui il ‘Papu’ Gomez. Gara interna però non nel proprio stadio, avversario che deve evitare di essere risucchiato nella zona rossa. Tutti ingredienti che ci fanno inquadrare come ‘complicata’ la sfida tra Atalanta e Genoa. La squadra di Prandelli non è solita prendere grosse imbarcate e certamente cercherà di fare risultato. Zapata sarà il terminale offensivo ma Ilicic dovrà essere quella mente creativa e realizzativa che i dati ci restituiscono: pericoloso sulle palle inattive, macchina da occasioni create e conclusione in porta che può arrivare da qualunque mattonella.

Nacho Pussetto vs Frosinone

Nel perenne ballottaggio che vede coinvolti Lasagna e Okaka, Pussetto pare essere l’unica certezza in avanti. Tudor infatti ha deciso che De Paul farà sempre l’interno di centrocampo mentre in precedenza veniva spesso avanzato al fianco di una punta. Contro il Frosinone l’Udinese non può permettersi passi falsi e quindi farà una partita d’attacco. Tanti palloni passano per i piedi di Pussetto che nei numeri di squadra è spesso secondo solo a De Paul ma altrettanto spesso le medie x90 non differiscono così tanto. Entrambi tirano in media 2 volte a partita. Considerando le reti senza rigori, Pussetto ne ha solo 2 in meno rispetto al compagno. Il finale di campionato bianconero passerà molto da loro due.

Riccardo Orsolini vs Parma

La squalifica di Sansone può ‘aiutare’ la prestazione di Orsolini? Il bilanciamento degli attacchi del Bologna, sulle corsie esterne, è ripartito in maniera quasi perfetta (37% sulla fascia sinistra, 36% su quella destra). Con il duo Sansone-Orsolini le cose giravano molto bene e il Parma è una delle squadre che nell’ultimo periodo concede più tiri e più tiri in porta alle avversarie che incontra. A Milano contro il Milan, ma non solo lì, si sono visti numerosi cambi di gioco a tentare di isolare Orsolini in uno contro uno facendo affidamento sulle sue qualità nel puntare l’uomo. Magari il numero di queste giocate potrebbe aumentare lunedì vista l’assenza di Sansone.

PANCA

Panchinaro della settimana – Domenco Berardi vs Torino

I 16 gol subiti in casa dal Torino, fanno di quella granata una delle migliori difese interne del nostro campionato. Domenica all’ora di pranzo si sfideranno due realtà abbastanza differenti: il Sassuolo ha sempre segnato e fatto segnare tanto ma nell’ultimo periodo, complice anche il cambio di sistema di gioco, le cose sono cambiate. Squadra più bilanciata e goleade che non arrivano più. Torino che invece è stato più continuo nel proprio percorso sia offensivo che difensivo. Solitamente quando due squadre con la difesa a 3 si scontrano, in 7 casi su 10 ne esce una partita senza una produzione offensiva da ricordare nei libri di storia.

Arek Milik vs Spal

A Ferrara la Spal potrà festeggiare in casa la salvezza conquistata settimana scorsa a Verona. Contro il Napoli però la squadra di Semplici non si sentirà in vacanza volendo continuare l’ottimo momento e chiudere il campionato con un filotto di risultati utili. Di contro c’è un Napoli che non si è rivelato né perfetto né una macchina da gol. Milik è in ballottaggio con Mertens ma negli ultimi tempi il polacco si è reso pericoloso soprattutto grazie alle giocate del belga. In qualunque caso è difficile non ipotizzare una staffetta tra i due e se la Spal, che recupera Vicari, abile nel gioco aereo, dovesse tenere la parità, Mertens sarebbe la prima carta da giocare per Ancelotti.

Edin Dzeko vs Juventus

Impegno non semplicissimo per la Roma di Ranieri che ha visto Edin Dzeko andare a segno per la prima volta in casa in questo campionato alla 32ma giornata contro l’Udinese. Prima di quella sfida, il bosniaco aveva segnato solo in trasferta. A guardare bene anche la ‘tipologia’ di avversario ‘bucato’ non troviamo tante big. Il primo gol della sua stagione arrivò contro il Torino e se si esclude la doppietta nel pazzo 3-3 di Bergamo, gli altri gol sono stati segnati solo a squadre della parte bassa della classifica. La Juventus ha inoltre recuperato un po’ di giocatori che potrà permettere ad Allegri di ruotare anche a gara in corso e avrà come coppia centrale Bonucci e Chiellini che non sono due facilmente battibili nemmeno sul gioco aereo.

Luis Muriel vs Milan

Sotto la guida di Vincenzo Montella i risultati non sono ancora arrivati e anche il potenziale offensivo Viola ne ha risentito eccome. Gente come Chiesa e Muriel hanno visto le proprie cifre (anche fantacalcistiche) calare in maniera decisamente drastica. Fiorentina che è reduce da ben tre gare casalinghe senza riuscire a segnare (Frosinone, Bologna e Sassuolo). L’ultima rete al ‘Franchi’ di Muriel risale a 2 mesi fa e nelle ultime cinque partite giocate, il colombiano ha tirato in porta 4 volte. Non sarebbe una media così malvagia se non fosse che 3 di queste 4 conclusioni nello specchio sono arrivate nell’ultima gara giocata. Prima di allora eravamo fermi a una conclusione in 280’ minuti. Resta da capire se questi numeri ci parlano di ‘resurrezione offensiva’ oppure di ‘falso positivo'.

Joao Pedro vs Lazio

Nell’ultimo turno di campionato il brasiliano è entrato a gara in corso perché reduce da un problema fisico. La Lazio dovrebbe far riposare un po’ di elementi in vista della sfida finale di Coppa Italia ma c’è da dire che in difesa non ci saranno grosse rivoluzioni, anzi, è previsto anche il ritorno da titolare di Radu, mentre in mezzo potrebbe toccare a Cataldi che è più un giocatore di rottura capace di coprire spazi e linee di passaggio. Difensivamente quindi, sulla carta, è una Lazio ben equilibrata che potrebbe creare non pochi problemi all’attacco rossoblù.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi