Formula 1, GP Messico: Verstappen penalizzato, perde la pole. La ricostruzione

Formula 1

Qualifiche dal finale caotico in Messico: Bottas va a muro, Verstappen non alza il piede nonostante la doppia bandiera gialla e prende la pole. In conferenza stampa ammette di non aver rallentato, come confermato dai dati GPS. La FIA decide d'investigarlo anche se con grande ritardo e viene penalizzato di tre posizioni: scatterà quarto in gara. Prima fila tutta Ferrari. La ricostruzione dei momenti più caldi del sabato all'Autodromo Rodriguez. Il GP del Messico è in diretta su Sky Sport F1 (canale 207) e Sky Sport Uno (canale 201)

GP MESSICO, LA DIRETTA DELLA GARA

E' successo tutto all'ultimo giro delle qualifiche in Messico, quando Max Verstappen era ad un passo dalla pole position dopo aver girato in 1:14.758. In quegli stessi attimi, all'ultima curva, Valtteri Bottas è finito violentemente a muro con la sua Mercedes W10.  Macchina distrutta nella parte sinistra, ma il finlandese ne è uscito illeso.

La nuova griglia di partenza

Verstappen ignora la doppia bandiera gialla

A 40 secondi dalla fine della Q3, Verstappen non si ferma con la bandiera gialla dopo il brutto schianto di Bottas prima del rettilineo, e ciò nonostante, per sua stessa ammissione, avesse visto perfettamente il finlandese. La bandiera elettronica non funziona a causa dell'impatto di Bottas con le barriere, ma poco dopo viene sventolata quella "reale".

Bandiera elettronica

I dati che inchiodano Max

Verstappen dunque è colpevole di eccesso di velocità in regime di doppia bandiera gialla e in una situazione davvero molto pericolosa. Viene penalizzato in griglia di partenza di tre posizioni e scatterà quarto in gara. Il grafico sottostante, alla penultima riga, mostra come in quel frangente Verstappen fosse full throttle, ovvero a tutto gas. Concetto ribadito da Carlo Vanzini nel successivo video, dove si fa riferimento ai dati GPS.

Verstappen

La "confessione" e i precedenti

Mentre la FIA prendeva con calma la decisione sull'investigare o meno Verstappen, il pilota si è presentato in conferenza stampa e ammesso tutto: "Sì, mi sono accorto del'incidente. Non sembra che io abbia alzato il piede. No". Dopo oltre un'ora dalla fine delle qualifiche, i commissari hanno deciso di convocare Verstappen e solo dopo la mezzanotte italiana è arrivato il responso: Verstappen penalizzato di tre posizioni e con 2 punti in meno sulla patente. 

Precedenti

I più letti