Formula 1, a s(or)passo nel tempo. Ti doppio. Poi ti ridoppio

Formula 1

Michele Merlino

ricordi-f1

Solo due gare su 1018 in Formula 1 hanno visto il vincitore trionfare con due giri di vantaggio sul secondo: ricordiamole nei dettagli

Montjuich 1969

Nel 1969 l'aerodinamica in Formula 1 è ancora a livello molto primitivo e sperimentale. La tendenza dominante è quella di installare delle ali sulle sospensioni anteriori e posteriori, con dei supporti lunghissimi, in modo che le suddette ali vadano a "pescare" aria priva di turbolenze. Per non farsi mancare nulla poi, le ali sono regolabili dal pilota tramite delle leve nell'abitacolo, una sorta di DRS ante-litteram.

 

Si punta all’efficacia, ma la sicurezza? Il problema emerge in tutta la sua drammaticità nel Gran Premio di Spagna, sul cittadino del Montjuich: al nono giro Hill si schianta violentemente contro i guard-rail nella curva dopo i box a causa del cedimento dell'ala posteriore.

L'incidente di Hill
L'incidente di Hill

Avendo individuato immediatamente la causa della sua uscita, manda un meccanico a segnalare a Rindt il pericolo, ma, prima che possa essere possibile mettere in guardia il pilota austriaco, quest'ultimo esce di strada per lo stesso motivo nello stesso punto, colpisce i guard-rail, rovina addosso ai rottami della Lotus del compagno di squadra e capotta. Se la cava con la rottura del naso e qualche escoriazione.

 

Dopo le Lotus è la volta di Brabham, in testa, anche lui fuori per incidente: Amon si trova al comando, dietro a lui Siffert e Stewart.

 

Siffert è fuori per una perdita d'olio dopo trenta giri ed Amon sembra, ancora una volta, avviato verso una facile vittoria, con una quarantina di secondi di margine. É il motore a tradirlo, consegnando a Stewart un'inaspettata e solitaria vittoria. Al secondo posto, McLaren a due giri, ed al terzo Beltoise, doppiato addirittura tre volte. Dopo questa gara le ali montate su sospensioni verranno bandite.

Adelaide 1995

 

La Formula 1 corre l'ultimo GP della stagione con il fiato sospeso: un incidente in prova ha mandato in coma Mika Hakkinen. Il pilota finlandese ha patito la foratura di una gomma posteriore a più di 200 km/h ed è volato contro le barriere, impattando di lato. La situazione è seria: i medici gli hanno praticato una tracheotomia sul posto. Il finlandese rimane per alcuni giorni in coma, poi si riprenderà totalmente, tanto da diventare campione del mondo nel 1998 e 1999.

 

Le due Williams di Hill e Coulthard hanno monopolizzato la prima fila e David va in testa davanti a Damon dopo il via. Ma non sarà una gara semplice, per nessuno.

 

Coulthard va in testacoda mentre è in testa al 20° giro, lasciando la leadership a Hill. I rivali però, si ritirano uno dopo l’altro: Alesi sbatte con Schumacher mentre i due sono in seconda e terza posizione al 24° giro; Berger rompe il motore mentre è secondo al 35° giro; Frentzen prende il posto dell’austriaco, ma rompe il cambio 5 giri dopo; a questo punto Herbert è secondo, dura fino al 69° giro, poi rompe la trasmissione; Irvine rompe il motore mentre è terzo al 63° giro.

Coulthard in testacoda
Coulthard in testacoda

Un'ecatombe. Il vantaggio di Hill, già abissale al 69° giro, più di un minuto su Herbert, dopo il ritiro del pilota Benetton, diventa di un giro e mezzo su Panis e due su Morbidelli. Può bastare?

Nemmeno per sogno: Hill non rallenta e a due giri dalla fine ri-doppia Panis, alle prese con gravi problemi al motore. Ora sono due giri di vantaggio su tutti per Damon, che dopo la gara commenta: "I miei avversari cadevano uno dopo l'altro, come mosche".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche