La Red Bull si presenta per il Mondiale di F1 2021: i piloti Verstappen e Perez

Formula 1

La certezza è Max Verstappen, Sergio Perez la novità. L'olandese e il messicano compongono la nuova coppia di piloti titolari alla Red Bull: ripercorriamo la loro storia

FERRARI, LA PRESENTAZIONE DEL TEAM IN DIRETTA

Max Verstappen

Ha esordito in F1 il 15 marzo 2015: era il GP d'Australia e Max guidava la Toro Rosso. Ad oggi ha corso 60 gare, vincendone 3. Sono 11 i podi e 2 i giri veloci; 421 i punti e un 5° posto nella classifica piloti del 2016 che resta il suo miglior risultato. E' lo stesso anno in cui diventa il più giovane driver - 18 anni - a vincere un GP (Spagna). Nel 2017 ha invece chiuso la stagione al 6° posto (alle spalle di Ricciardo). Carattere apparentemente introverso - questo almeno è ciò che ci restituiscono le immagini e le interviste televisive - Verstappen è nato ad Hasselt il 30 settembre del 1997. Doppia nazionalità, belga e olandese, le corse sono nel suo Dna visto che suo padre, Jos, ha gareggiato in F1, mentre la mamma, Sophie Kumpen, ha corso come pilota di kart. Irruento, si spinge spesso al limite in pista, forse anche con un pizzico di eccessiva e incoscienza. O almeno così è stato nei primi anni in F1. 

Quella volta ad Austin, la rabbia di Max

Lo dimostra quanto accaduto nel GP Usa del 2018: fresco di rinnovo con Red Bull, ad Austin c'erano tutte le intenzioni di brindare per il nuovo accordo. Vertstappen completò una rimonta incredibile, da sedicesimo a terzo, con un super sorpasso negli ultimi metri ai danni di Kimi Raikkonen. Neppure il tempo di buttare giù un sorso d'acqua nel retro podio che arrivò la mazzata: i commissari di gara lo sanzionano con 5 secondi e scivola al quarto posto (Kimi terzo) per aver tagliato la curva con tutta la vettura oltre il cordolo durante il sorpasso. Scurissimo in volto, Max più tardi scriverà su Twitter: "E' stata una decisione molto stupida, presa da un commissario idiota contro di me, mentre ad altri non è stato fatto nulla. Mi sento derubato". Poi, sempre attraverso il web, un parziale dietrofront. Eppure proprio i social - Instagram in particolare - ci hanno permesso di conoscere qualcosa in più su Verstappen, soprattutto negli ultimi tempi. Un ragazzo che sembra essere maturato, che appare più "moderato" rispetto al passato. Anche in pista. Quanto alla sua storia con la Red Bull, nel 2017 ha chiuso al 6° posto (168 punti), nel 2018 4° (249 punti), nel 2019 3° (278 punti) e nel 2020 sempre 3° (214 punti). Una escalation che sembra avvcininarlo sempre più al sogno di vincere il titolo mondiale.

 

Quando in Messico urlano "Checo, Checo!"

E' l'idolo sportivo indiscusso nel suo Paese, il Messico. L'urlo "Checo, Checo!" è una costante durante il weekend di gara a Città del Messico. O almeno lo era fino alle limitazioni sul pubblico imposte dalla pandemia. Classe 1990, da poco ha compito 31 anni, Perez è pronto all'undicesima stagione in Formula 1. La prima, con la Sauber, si concluse con un 16esimo posto (14 punti). Dopo un passaggio in McLaren nel 2013 (11esimo con 49 punti), è passato alla Force India poi divenuta Racing Point sotto la guida di Lance Stroll: qui il suo miglior piazzamento, 4° nel 2020 con 125 punti.

La svolta: il successo a Sakhir nel 2020

E' quello che ha probabilmente convinto la Red Bull a puntare su di lui: il successo a Sakhir della scorsa stagione. Sembrava destinato a rimanere senza sedile e invece Perez, ha centrato il suo primo successo in carriera. E lo ha fatto in modo incredibile: dopo il contatto con Verstappen e Leclerc al primo giro, Checo era retrocesso in 18^ e ultima piazza. Da quel momento, il pilota della Racing Point ha inanellato una serie di giri veloci, rimontando fino alla prima posizione. Agevolato anche dal clamoroso errore al box Merecedes e dalla foratura di un Russell che sembrava in grado di rimontare, Perez ha portato a casa la vittoria ed evitare di rimanere disoccupato dopo il benservito ricevuto dalla futura Aston Martin.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.