user
13 marzo 2018

MotoGP 2018, KTM pronta per un podio?

print-icon
DYG

Espargaro e Smith (foto: KTM twitter)

La Red Bull KTM Factory Racing ha presentato a Salisburgo la stagione 2018, oltre a questo i piloti e i manager hanno anche fissato gli obiettivi per la seconda stagione del marchio nella top-class che inizierà a Losail questo fine settimana con il GP del Qatar, in diretta esclusiva su SkySportMotoGP (canale 208)

GP QATAR: ORARI E CALENDARIO

MOTOGP 2018, LA MUSICA LA METTONO I MOVIDA

MOTOGP E F1 2018, I GP IN ESCLUSIVA SKY

Quasi dodici mesi fa sul circuito di Losail la KTM ha iniziato la sua avventura in MotoGP con Pol Espargaro e Bradley Smith finendo rispettivamente 16esimo e 17esimo. Al secondo GP in Argentina, entrambi i piloti finirono la gara a punti. Alla fine del campionato, la KTM si è vista nella top-10 per ben 7 volte confermando il potenziale della moto.  
All’inizio della seconda stagione la KTM si prepara ad un ulteriore step prestazionale: i piloti sono completamente rigenerati dopo la pausa invernale (soprattutto Espargaro che ha dovuto recuperare dall’incidente in Malesia) e la moto è cresciuta molto.
 
L'ultima configurazione della KTM RC16 è “ready to race”, e secondo Mike Leitner, è anche pronta per lottare per punti e, chissà, anche per qualcosa di più.

Durante la presentazione di Salisburgo hanno parlato i personaggi “centrali” del progetto KTM-MotoGP.

Pit Beirer (Direttore KTM Motorsport): "Siamo già molto orgogliosi di ciò che la squadra e i piloti hanno raggiunto lo scorso anno, ma non vogliamo restare fermi ed accontentarci. Abbiamo spinto forte quest'inverno per far crescere ulteriormente la moto.
La MotoGP è un'avventura incredibile e siamo contenti di dove siamo in questo momento: manterremo la velocità, è la nostra passione. Questo è uno sport durissimo: se sei a un secondo dai migliori, probabilmente sei fuori dai primi quindici.
Sono felice che la nostra struttura - dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP- sia in salute e questo significherà quattro moto KTM sulla griglia di partenza della top-class 2019.”


Mike Leitner (Team Manager MotoGP): "Abbiamo fatto alcuni passi importanti dal 2016 quando abbiamo iniziato con un foglio bianco e abbiamo dovuto pensare ad una nuova moto.
Abbiamo dei tecnici grandiosi e KTM è sinonimo di potenza ed energia.
Nel 2017 abbiamo iniziato a gareggiare in MotoGP scoprendo piccoli pezzi che ci mancavano, piccoli dettagli ma che fanno tutta la differenza del mondo.
Abbiamo fatto dei buoni passi sul motore e abbiamo lavorato sul telaio e sulle sospensioni. Il feedback dai piloti è stato buono e non vedono l’ora di scendere in pista con la nuova moto per la prima gara.

Pol Espargaro (Factory Rider MotoGP): "Mi sento meglio, molto meglio di una settimana fa in Qatar. Ho avuto un po’di tempo per riposare, allenarmi e prepararmi, quindi vedremo. È importante essere fisicamente in forma perché queste moto si muovono molto e devi essere tuo massimo per riuscire a guidarle.
Ho girato meno di Bradley e Mika ma sono sicuro che il lavoro fatto sia ottimo lavoro per continuare a sviluppare la moto. Una cosa buona di KTM è che sai dove inizierai nelle gare ma non dove le finirai.
Quindi sappiamo dove inizieremo - lottando per la top-ten - ma per finire? Forse i primi sei, lo spero".

Bradley Smith (Factory Rider MotoGP): "Sono tornato alla normalità sto facendo progressi e guadagnando fiducia. Abbiamo fatto 14 giorni di test quest'inverno: tanti giri, e tanti miglioramenti. Ovviamente il processo non finisce mai. In ogni test miglioravamo e sono sicuro che durante la stagione miglioreremo ancora.
È emozionante iniziare la stagione, sarebbe una bella soddisfazione portare questa moto ad un podio o ad una vittoria. Crediamo in questo progetto e sono sicuro che ci siano tante persone che credono in noi ".

MOTOGP, TUTTI I VIDEO

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più letti di oggi