user
08 agosto 2018

MotoGP, Italian Job: il Motomondiale non si ferma e la Ducati sorride!

print-icon

Giusto il tempo dei test sul circuito di Brno e il Motomondiale è già pronto a ripartire. Il primo back to back dell’anno ci porta in Austria, su un tracciato più che amico per le rosse di Borgo Panigale. Ma i piloti Ducati non sono gli unici a cui piace molto il Red Bull Ring

Il GP d'Austria è in diretta su Sky Sport MotoGP (canale 207): gara di Moto3 alle 11.00, Moto2 alle 12.20 e MotoGP alle 14. Qualifiche e gara della MotoGP saranno visibili anche in live streaming su skysport.it (aperto a tutti)

LE PROVE LIBERE

GUIDA TV - LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Conclusi anche i test MotoGP di Brno, è già tempo di pensare al Gran Premio d’Austria. Dovi c’è e la Ducati pure, mentre Valentino è riuscito a contenere il distacco da Marquez in una classifica che regala comunque ben due gare di vantaggio allo spagnolo, che ha collezionato 49 punti in più rispetto a Rossi.

«A Brno abbiamo ottenuto il massimo che potevamo – ha commentato Valentino –. Ci manca un po’ di accelerazione, soprattutto quando le gomme scivolano. Quindi dovremo cercare di migliorare. Però più di così era dura, per fare il podio ci voleva un regalo dei tre davanti».

Il primo dei tre davanti si chiama proprio Andrea Dovizioso. Dovi ha conquistato la sua prima vittoria e anche la prima pole su un tracciato per lui tutt’altro che semplice. Ma la notizia più bella è forse la competitività con entrambi i piloti della Desmosedici, che non concludeva così costantemente le gare nel parco chiuso dai tempi di Casey Stoner e Loris Capirossi.

L’altra bella notizia, in casa Ducati, è che il prossimo GP si corre appunto a Spielberg, su un tracciato ancora più favorevole alle moto di Borgo Panigale. Avere buona memoria, non è nemmeno necessario: da quando, nel 2016, il GP d’Austria è stato reintrodotto nel calendario del Motomondiale, qui ha vinto solo la rossa: Iannone prima (con pole, giro veloce e vittoria), Dovizioso poi.

Ma il Red Bull Ring custodisce ottimi ricordi anche per Franco Morbidelli, che proprio come Dovi ha ottenuto un secondo posto nel 2016 e la vittoria nella scorsa stagione, quella del titolo mondiale in Moto2. Quest’anno, per la prima volta in stagione, toccherà a Pecco Bagnaia inseguire Miguel Oliveira.

MotoGP, tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi