user
22 ottobre 2018

MotoGP, il mondo segreto di Marc Marquez: dalle paure agli hobby

print-icon

Faccia a faccia con Marquez dopo la conquista del settimo titolo. Una lunga intervista rilasciata al suo team, in cui racconta molti aspetti privati della sua vita: "Ho paura del mare, ma mi tufferei in cambio di un altro Mondiale. Il viaggio dei sogni? Il posto che mi piace di più è casa mia"

IL CALENDARIO LE CLASSIFICHE

La corsa di Motegi è stato simile alla gara di Aragon: un sorpasso poco prima della fine senza possibilità di reazione. È stato il momento in cui hai vinto la corsa, costringendo Dovizioso a forzare, cadendo?
"Ogni gara è diversa e devi saperla interpretare nel miglior modo possibile. Come sempre, abbiamo pianificato il GP del Giappone con Emilio [Alzamora], Santi [Hernández] e Alberto [Puig]. Insieme proviamo a pensare a cosa potrebbe accadere, ma poi in gara alla fine si deve improvvisare. Motegi più o meno ha seguito la “sceneggiatura” che ci aspettavamo, con Dovizioso molto forte nella prima parte. Alla fine, ho deciso di attaccare; volevo provare e sentivo di aver un passo migliore. Dovizioso ha dato tutto per cercare di ritardare la festa di questo titolo ma, fortunatamente, abbiamo retto bene".

Cosa ti è passato per la testa quando sei uscito dalla curva 10?
"Durante il fine settimana, avevo già preso alcuni spaventi nello stesso punto. In realtà, la polvere che si è alzata quando sono uscito dalla pista è stata più spettacolare di quello che ho provato in sella. Avevo il pieno controllo".

Hai perso la concentrazione quando ti hanno detto che Dovizioso era fuori gara?
"Ovviamente, mi sono distratto vedendo che Dovizioso era fuori gara, perché sapevo che ero già campione del mondo; alla prima curva ho sbagliato marcia e ho messo la terza. Subito dopo mi sono ripreso e sono riuscito a completare l'ultimo giro. È stato un giro molto lungo!".

Questa è stata la tua stagione più completa? C'è spazio per migliorare ancora?
"E' stata una delle stagioni più consistenti finora, dal momento che sono riuscito ad andare a podio con costanza. Forse l'anno migliore in termini di risultati è stato il 2014 ma, senza dubbio, questa stagione è stata molto completa, abbiamo lavorato molto bene e siamo riusciti a resistere nei momenti difficili e ad approfittare dei momenti in cui eravamo in gran forma".

Hai già vinto sette titoli. Quale momento hai atteso di più?
"Il momento in cui non vedi veramente l'ora di celebrare un titolo è quando torni al box e vedi i tuoi meccanici. Anche se sono io a salire sul podio, c'è un gruppo di persone che fa di tutto per farti diventare campione del mondo. Quando perdiamo, perdiamo tutti, ma se vinciamo, vinciamo insieme. Certo, non vedi anche l'ora di tornare a casa, a Cervera, e festeggiare con amici e familiari".

Il Twin Ring Motegi, oltre ad essere la pista di casa della Honda, ti ha visto vincere tre dei tuoi cinque titoli MotoGP.
"Non è uno dei circuiti dove ho ottenuto i migliori risultati in gara, ma questa è la terza volta che conquisto un titolo in Giappone. Fino al 2016 non avevo mai vinto a Motegi, ma sembra che avere i boss della Honda ospiti in pista ci aiuti a fare bene. In aggiunta, vincere qui il Mondiale è qualcosa di molto importante la nostra casa".

Hai ricevuto congratulazioni da tutto il mondo: da grandi sportivi, dal presidente spagnolo, dalla casa reale ... Qual è il messaggio più bello?
"Sono tutti speciali, a cominciare dalle congratulazioni nel paddock che ho ricevuto subito dopo aver conquistato il titolo, da altri piloti, personaggi famosi o icone di questo sport. Ma, senza dubbio, quello che mi rende sempre più felice è il messaggio di mia madre. Non è potuta venire in Giappone ma, non appena ho finito la gara, ho fatto una videochiamata con lei".

Mick Doohan, che hai eguagliato con cinque titoli nella top class, dice che è orgoglioso di condividere questo risultato con te e che il tuo stile di guida non ha eguali.
"Ho un ottimo rapporto con Mick Doohan, abbiamo partecipato assieme a diversi eventi. È incredibile poter essere paragonato a Mick, dal momento che il primo ricordo che ho delle gare in moto in TV è di lui con Álex Crivillé. Non ho parole per descrivere cosa significhi raggiungere i cinque mondiali di Doohan".

Come affronterai le tre gare rimaste, ora che hai vinto il titolo?
"Prima di tutto, è tempo di godersi questo campionato del mondo, ma mi è già stato detto che ci sono ancora due titoli in palio: i costruttori e i team. Quindi proveremo a fare il massimo con il mio compagno di squadra Dani per ottenere quei due titoli e vedere se possiamo celebrare la tripla corona ".

Viaggiando così tanto, vedi più la tua squadra che la tua famiglia. Ci racconti come sono?
"Nella mia squadra, ognuno ha i suoi aspetti positivi e negativi. La cosa migliore, che mi rende orgoglioso di loro, è che sono persone contente. Questa è la cosa più importante. Dopotutto, questo è un lavoro e siamo umani; tutti noi possiamo avere una brutta giornata per varie ragioni, sia personali che professionali, ma tra di noi finiamo sempre per sorridere. Grazie a loro, il lavoro è decisamente migliore e piacevole. Se devo dire qualcosa di ognuno di loro, posso dire che: Carlo Liuzzi è quello che mangia di più, Ginetto è il più puntuale, ma non perché arrivi in orario ma perché parte prima, i più ritardatari sono Jordi Castellá e José Luis Martínez. Poi abbiamo Santi Hernández e Javi Ortiz, i più responsabili. Per concludere Carlos Linas è il più sfrontato".

Chi è la prima persona che chiami quando hai un problema?
"Dipende dal tipo di problema. Chiamo mio fratello, mia madre, mio ​​padre o Emilio. "

Cosa ti fa sorridere quando hai una brutta giornata?
"Quando ho una brutta giornata, cerco di trascorrere del tempo con mio fratello o con un amico per dimenticare i miei problemi. La verità è che ho pochissimi giorni come questi, cerco sempre di staccare facendo sport o andando in bicicletta ".

Tra così tante gare, eventi e impegni, hai mai fatto il turista? New York, Londra, Roma? Dove ti piacerebbe andare se avessi tempo?
"Tra gare e impegni, il posto che mi piace di più è casa mia. A volte è difficile capirlo e alcune persone mi chiedono "perché vai lì per staccare?" Ma ti manca la tua casa, il tuo divano, la TV. È lì che ti rilassi".

E infine... avendo paura del mare, nuoteresti da solo nel mezzo del Mediterraneo in cambio di un altro titolo?
"Lo farei, nonostante il rischio! Penserei ad altro, ma andrei e, se necessario, dovresti buttarmi tu in acqua. Naturalmente, per non più di cinque minuti! "

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi