user
06 dicembre 2018

MotoGP, come cambiano le regole nel 2019

print-icon

Ecco le ultime novità in termini di regolamento sportivo e tecnico approvate dalla Grand Prix Commission

PEDROSA AL DEBUTTO IN KTM

BAGNAIA, PROMESSA DELL'ANNO

Regolamento sportivo

Separati all’arrivo? - La prima delle nuove regole introdotte da Dorna per il 2019 riguarda il passaggio dei piloti sul traguardo. Se prima i rider si potevano assicurare una posizione nella classifica finale di gara solo terminando la corsa in contatto con la propria moto, dalla prossima stagione non sarà più così. Nel caso in cui, per via di un incidente o una caduta, il pilota e la moto dovessero tagliare il traguardo separati, si fermerà il tempo nel momento in cui l’ultimo tra i due, toccherà la finish line.

Ripartenza? Facciamo chiarezza – Per stabilire criteri più chiari sui piloti che possono ricominciare una gara interrotta è stato confermato che i rider possono essere aiutati dai commissari per riavviare la moto o riportarla in pista. È considerato attivo o in competizione infatti anche il pilota che tenta di far ripartire il motore, o sta cercando di rientrare in pista o rientrare in pit lane. I Commissari FIM saranno i soli a giudicare se un corridore è in “in gara”.

Comunicazioni più veloci - nel caso in cui un pilota commetta un’infrazione, come sorpassare con bandiera gialla, che comporti una penalità con cambio di posizione, la comunicazione avverrà tramite il display del dashboard entro un massimo di tre giri e non più cinque.

Il motore si accende fuori - dal 2019, non sarà più concesso, in alcun momento, accendere il motore di una moto all’interno del box. D’ora in avanti ciò dovrà essere effettuato esclusivamente in pit lane.

Titoli da record - i cambiamenti riguardano anche il nome dei record per il giro più veloce del circuito e il giro più veloce registrato in gara. Il primo diventerà “All Time Lap Record” e comprenderà tutti i tempi della storia segnati in tutte le sessioni di un GP. Il secondo sarà il “Best Race Lap”, ovvero il giro più veloce della storia in gara.

Punti per le concessioni con data di scadenza - alla lista di cambiamenti si aggiunge anche una specifica sulla regola che prevede che nel momento in cui un costruttore guadagna un certo numero di punti, perde alcune concessioni che riguardano la possibilità per i test rider di girare su qualsiasi circuito. In tal caso i costruttori dovranno indicare tre delle piste del calendario del Motomondiale. Inoltre, i punti per le concessioni scadranno dopo 2 anni dalla data in cui sono stati ottenuti.

Regolamento tecnico

Gomme e motori… - oltre ai cambiamenti in arrivo per il regolamento tecnico di Moto2, in seguito al passaggio dai motori Honda a Triumph, cambiamenti anche sugli pneumatici: i) MotoGP: l’allocazione standard delle gomme da bagnato passeranno da 11 a 13 set, sei anteriori e sette posteriori; ii) Moto2 e Moto3: in queste classi il numero di gomme da pioggia non è limitato, il fornitore ufficiale dovrà, però, garantire un minimo di quattro set di questi pneumatici per pilota.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi