Vinales, dubbi sul suo futuro: "Ancora in Yamaha? Vediamo"

Moto GP

Vera Spadini

Il pilota spagnolo non è certo di continuare a correre per il team giapponese anche dopo la scadenza dell'attuale contratto nel 2020: “Ognuno deve scegliere il meglio per sé”. Due team starebbero già sondando il terreno

ROSSI: "MARQUEZ MI RAGGIUNGERÀ PRESTO A 9 TITOLI"

MEDA: "ECCO LA SFIDA CHE MANCA A MARQUEZ"

MARQUEZ: "LE PAROLE DI ROSSI? HA DATO MOLTO PER LA MOTOGP"

Tre podi nelle ultime quattro gare non sono bastati a riaccendere il sorriso di Maverick Vinales. Un pilota a cui non serve solo un team per rendere al meglio, ma anche il calore delle persone che lo circondano. Forse in questo momento l’abbraccio della Casa Madre è intiepidito dai dubbi che circondano il futuro della Yamaha. Quartararò sta andando molto oltre le aspettative: due volte dietro a Marquez all’arrivo, con tanto di duello che lo ha incoronato come futuro antagonista del campione del mondo. Cinque podi negli ultimi nove GP, un settimo posto in classifica a meno due punti da Valentino Rossi. Insomma, numeri da spavento per un rookie, che ha suscitato ammirazione da parte dello stesso Valentino. Come lasciarsi scappare un talento così? Ma se il Dottore dovesse continuare – in questo senso i risultati dell’anno prossimo saranno determinanti – resterebbe solo una M1 a disposizione. Una situazione complicata dal fatto che nel 2020 scadranno più contratti, e questo potrebbe aprire diverse possibilità per tutti. Vinales è sicuramente un pilota rispettato e ambito, e nel paddock circolano voci di un interessamento di Ducati e Suzuki. Le sue dichiarazioni dopo la gara di Buriram vanno probabilmente lette in questo senso: “Ora io e Fabio (Quartararo) stiamo facendo la differenza, ma in futuro non si sa cosa possa succedere– ha detto a DAZN - alla fine ognuno dovrà scegliere ciò che è meglio per sé. Non so se la cosa migliore ora sia restare alla Yamaha”. Insomma, non è ancora finita questa stagione, ma il mercato per il 2021 sta già cambiando gli equilibri di molti team.

I più letti