Marini promosso in MotoGP: nel 2021 confermare freddezza e talento

MotoGp
Paolo Beltramo

Paolo Beltramo

Bella guida, pulizia nelle traiettorie, capacità di gestione e aggressività, freddezza, intelligenza: sono le principali doti messe in mostra da Luca Marini, chiamato a confermarsi nel 2021 dopo aver raggiunto il sogno della MotoGP

MOTOGP 2021, TUTTE LE COPPIE

Un bel coraggio, tocca dirlo subito. Uno che è fratello di Valentino Rossi e corre in moto già deve avere una bella matassa di pelo sullo stomaco, se poi arriva a correrci contro in MotoGP, bè, allora o è pazzo o è uno con un coraggio da leone. Invece se conosci Luca Marini lo percepisci come uno normale, appassionatissimo di corse che ci ha provato e ci è riuscito piuttosto bene visto che è arrivato in MotoGP. Il fatto che sia fratello di Vale sembra essere soltanto un caso, qualcosa che è capitata, ma che non conta poi così tanto.

I progressi dal 2015

Il fatto che sia la seconda la situazione reale dice molto di questo ragazzone alto, pulito, figo. Luca è intelligente, umile e concentratissimo su quello che fa. È simpatico e divertente, poi in pista diventa antipatico (credo) ai suoi avversari e tosto, duro, difficile. La sua statura lo ha sempre un po' ostacolato fin da quando nel 2015 (lasciamo perdere l'unico tentativo di stare su una Moto3 del '13) ha iniziato a correre con la Moto2. Una sola gara, quell'anno così per vedere. Poi nel 2016 eccolo fisso nel campionato mondiale Moto2 con una Kalex. Allora e fino a due stagioni fa, le moto intermedie erano delle 600 con motore Honda derivato CBR 4 cilindri in linea, affidabili, ma non potentissime.

Ovvio quindi che Luca soffrisse la sua stazza e infatti ci mette fino al 2018 per salire sul podio e vincere la sua prima gara della categoria: nella stagione di addio al motore Honda 1 primo, 2 secondi e 2 terzi lo lanciano tra i top riders, a maggior ragione considerando che nel 2019 il motore diventa Triumph 3 cilindri, 765 cc. Un motore più moderno, con maggior coppia, più potente e leggero che fa assomigliare la Moto2 sempre di più ad una MotoGP. Il cambio è una buona cosa per Luca che vince due gare e fa un secondo e un terzo nel 2019, mentre nel 2020 si gioca il titolo fino a quando può, cioè fino a Le Mans dove cade facendosi male alla spalla destra. Gli incredibili su e giù del mondiale Moto2 2020 fa sì che Luca potrebbe vincere il titolo, ma insomma alla fine è secondo con 3 primi, 3 secondi posti e due pole.

La promozione in MotoGP

Video

Sky Racing Team VR46, svelate le livree del 2021

Che sia pronto per la MotoGP è un dato di fatto e anche l'esperienza fatta con lo SKY Racing Team e la VR46 Accademy lo hanno preparato al grande salto. La fiducia è tale che Luca Marini avrà ancora i colori SKY e VR 46 anche sulla sua Ducati GP20, un esordio in MotoGP per tutti insomma, non soltanto per il pilota. La struttura organizzativa di base sarà spagnola, ma il misto Italia/Spagna funziona benissimo in moltissimi team, dallo Sky al Sic58 e ci saranno sempre Uccio Albi e Pablo Nieto ad occuparsi del team.

Luca ha meritato questa promozione, dobbiamo dirlo sinceramente. Senza l'infortunio francese avrebbe forse vinto lui il titolo e comunque ha dimostrato molto: bella guida, pulizia nelle traiettorie, capacità di gestione e aggressività, freddezza, intelligenza. Insomma un pilota completo che può però migliorare moltissimo. Credo che avrà un approccio intelligente e rispettoso con la MotoGP, lui è uno che non ha fretta, che vuole arrivare e procedere senza mai tornare indietro, che non ha fretta e come diamante sul gioiello potrà correre con/contro suo fratello Valentino. Con lui i fratelli in pista nella MotoGP sono ben 6! Mai visto nella storia. Per Luca sarà un'emozione, un traguardo, un sogno che potrà realizzare. Già così è una bella … ma sì diciamolo: figata!

PRO

  • È intelligente e talentuoso
  • Tranquillo e sa gestire pressione e altro
  • Ha avuto e avrà uno dei maestri più grandi della storia ad aiutarlo a crescere
  • Avrà una squadra di livello e una buona moto
  • Può divertirsi anche contro il fratello di Marquez e i 2 Espargaro
  • Se hai del sangue di Stefania Palma nelle vene, si nota

CONTRO

  • Potrebbe subire un po’ la pressione che sarà alta
  • C'è sempre l’ipotesi che non si adatti immediatamente a moto e gomme
  • Deve essere insieme umile e sfrontato
  • È la prova più difficile della sua vita
  • Bè come per tutti quelli che ci arrivano la MotoGP è il sogno di un bambino che si vive da grandi. Il che lo rende insieme bellissimo, magico, ma anche difficile

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.