Caricamento in corso...
14 luglio 2017

Moto3, un Migno da urlo che piace a Valentino

print-icon
mig

Andrea Migno 21 anni è allo Sky Vr46 dal 2015

FOCUS. Terza stagione con lo Sky Racing Team VR46 ed i frutti iniziano a vedersi, per il pilota di Cattolica parlano i numeri e quella meritata e sorprendente vittoria al Gran Premio d'Italia. Nessun altro pilota del team di oggi aveva ancora vinto su una pista così emotivamente importante...

TUTTI I VIDEO

Lo Sky Racing Team VR46

Le qualifiche sono la sua bestia nera, ancora adesso. Anche dopo la spettacolare gara al Mugello, dopo l'impresa che ha lasciato tutti a bocca aperta al GP d'Italia. Andrea Migno sul podio più alto, un'emozione non da poco per chi ama e conosce lo Sky Racing Team VR46, e soprattutto per chi ama Mig. Simpatico lo è da vendere, spontaneo come nessuno, abbiamo tutti ancora in mente la sua corsa ed il suo abbraccio in pista alla vittoria di Rossi in Olanda. " Ero troppo felice... non ci siamo detti niente abbiamo solo gridato di gioia...".  Ecco questo è Migno: un concentrato di generosità, volontà e dedizione. Ed è orgoglio anche della KTM, è stato l'unico pilota quest'anno (fino ad ora) a riuscire a portare la casa austriaca alla vittoria nella classe Moto3.

Mig e il suo maestro

Arrivato nel team nel 2015 il pilota di Cattolica è l'espressione della filosofia dello Sky Racing Team VR46, quella dettata direttamente da Valentino Rossi. Il Dottore chiede passione, malleabilità, disponibilità e ricerca continua del miglioramento. Andrea cerca di mettere in atto tutto ciò, e la sua crescita, coadiuvata da una squadra di prim'ordine, sta avvenendo nel lasso di tempo (3 anni) che il progetto prevede. Oggi, dopo i primi 9 GP ha totalizzato 78 punti, più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2016 (37), ed ha dimezzato la posizione in classifica passando dal 15° posto in campionato della scorsa stagione all'attuale 8°.

Compleanno Brno 

In Repubblica Ceca, il 6 agosto, Andrea Migno festeggia il 55° GP in carriera, ed il 46° con lo Sky Racing Team VR46. Con la scuderia Sky ha ottenuto 1 vittoria (Mugello 2017), 2 podi, 1 giro più veloce ed 1 pole position. E non è tutto, il Mig che ama i Pink Floyd, comanda lo speciale riconoscimento Dunlop Forever Forward che è riservato ai piloti che hanno guadagnato il maggior numero di posizioni in gara rispetto alla posizione in griglia di partenza. Per lui sono 69 nelle prime nove tappe di questo Motomondiale, rispetto alle 61 di Jules Dailo. Dopo il Mugello qualcosa non ha funzionato come prima e nei tre GP successivi Mig è rimasto un po' alle corde, ma il gap è stato evidenziato e alla ripresa la storia sarà un'altra.