31 dicembre 2016

Yamaha MX2017 tutte nuove con un occhio alla pista

print-icon

Per il 2017 Yamaha presenta un gamma completa da cross ed enduro. I risultati nel mondiale MX e Supercross ci sono ed i benefici sulle nuove moto 2017 si sentono. Scopriamoli nel video.

Come sono fatte - Tra tutte è la YZF 250 a ricevere i maggiori aggiornamenti. Migliorano soprattutto il tiro motore e l'accelerazione: viene interamente rivista la testata, con nuove camme che vengono riposizionate per una risposta più aggressiva da metà in su. Cambia anche il selettore del cambio, più rapido e fluido, così come la bielletta di azionamento della frizione per renderla più morbida e precisa.  Per rendere la 250 più agile e maneggevole, inoltre, il telaio è stato irrobustito nella zona di contatto con gli stivali per ottimizzarne la rigidità longitudinale, idem per i supporti del motore.

Come vanno
YZ125 - 
Sotto è subito pronta, il passaggio dell’apertura della valvola avviene molto rapidamente e senza esitazione, ma il bello arriva da metà in su dove la 125 acquisisce una schiena ed una velocità impressionante. Immaginare a bordo un quindicenne talentuoso fa di questa moto un’arma davvero letale!

YZ250F - Appena ti siedi senti che qualcosa è cambiato. La nuova posizione delle pedane, più bassa di 5 mm, ti permette una seduta più comoda e meno rannicchiata. Colpo di pedale, e il motore parte subito. Già dalle prime marce senti che ha una voglia matta di andare, come un cavallo da corsa appena lo fai uscire dal box. Il tiro motore è già molto corposo nella fase centrale, e non appena apri un po’ di più senti che la moto è subito reattiva. La coppia a metà della curva di erogazione ti permette di fare le curve con una marcia in più, e di non perdere tempo con inutili derapate.

Ottimo anche il setting delle sospensioni, che sostiene bene in staccata e rende la moto molto bilanciata. La nuova rigidità del telaio, infine, ottimizza la guida in piedi, in quanto le nuove impostazioni ciclistiche ti trasmettono fiducia e gli inserimenti sono molto più immediati. Non devi pensare, stacchi e sei dentro.

YZ450F - Già dalle prime curve percepisci la presenza del motore, potente e corposo, che dona una grande stabilità alla moto, in particolare in staccata, dove anche nelle buche più profonde non si scompone. Finito di frenare, la inserisci, ma non è così immediata. La forcella, seppur sostenuta, tende a scapparti in sottosterzo, e solo quando inizi a puntare il gas e ripartire senti che si siede il mono e riprendi trazione.

La progressione in uscita è ottima, ed il motore sale tanto rapidamente da richiedere subito un'altra marcia. Nel complesso, la YZ450F è diventata una moto molto più semplice da guidare e da gestire e, pur rimanendo un prodotto votato principalmente alle competizioni, negli anni è stata resa meno nervosa e decisamente più progressiva. Rimane sempre impegnativa da usare, ma se impari a gestirne bene marce e motore, con poco rumore puoi essere veramente efficace.

Powered by moto.it

Tutti i siti Sky