11 marzo 2017

SBK. Rea vince Gara 1 del GP di Thailandia

print-icon
REA

Rea in testa dal primo momento all'ultimo giro. Davies secondo, Sykes beffa Melandri all'ultimo giro e sale sul terzo gradino del podio. Gara 2 domani h10 Eurosport canale 210 piattaforma Sky

Dopo aver dominato le prove e la Superpole, anche in gara1 Rea non lascia scampo ai propri avversari. In testa dal primo all’ultimo giro, il campione del mondo ottiene il suo terzo successo consecutivo in questo campionato e mantiene ovviamente la prima posizione a punteggio pieno in classifica. Il fatto che Johnny avesse un passo superiore rispetto a tutti i suoi avversari era apparso chiaro già nelle prove di ieri e oggi lo ha confermato prima in Superpole e poi in gara.

Una gara senza storia per quanto riguarda la prima posizione e che ha avuto motivi di interesse solo per quanto ha riguardato le posizioni di rincalzo, con Davies che ha inizialmente faticato, prima per superare Sykes e poi per andare a riprendere Melandri che si era gettato all’inseguimento di Rea. Ma una volta portatosi al secondo posto Johnny era ormai irraggiungibile e Chaz ha potuto solo gestire la posizione.

Melandri ha scelto all’anteriore la soluzione più morbida a sua disposizione ed ha pagato questo errore nell’ultimo giro, quando Sykes lo ha superato e gli ha scippato quello che sarebbe stato il suo secondo podio stagionale. Marco ha fatto comunque una gara generosa che avrebbe meritato almeno il podio, ma purtroppo così non è stato.

Alle spalle delle “solite” Kawasaki e Ducati, arrivano le due Yamaha, con VdMark che precede Lowes. Questa pista piace particolarmente all’olandesino, che lo scorso anno qui era salito sul terzo gradino del podio e oggi ha preceduto il suo compagno di squadra di oltre tre secondi.

Torres tira fuori il massimo dalla sua BMW e precede Camier, mentre le due Honda di Hayden e Bradl, nono e decimo, chiudono la top ten. Delude Fores che era andato decisamente meglio nelle prove, così come non è stata una gara da ricordare nemmeno per Savadori, solo tredicesimo dietro a Krummenacher con la Kawasaki privata del team Puccetti.

L’altro pilota Aprilia, Eugene Laverty stava facendo un ottima gara ma si è dovuto ritirare per problemi tecnici proprio all’ultimo giro, quando stava occupando la settima posizione. Non raccolgono punti De Angelis e Russo, sedicesimo e diciassettesimo, mentre Badovini è scivolato nel corso del settimo giro.

Powered by moto.it

Tutti i siti Sky