Please select your default edition US
Set Default:
Go
Your default site has been set for 7 days
Caricamento in corso...
10 gennaio 2017

NBA, squadre e giocatori top, quarto per quarto

print-icon
Tutta la forza bruta e le emozioni di Russell Westbrook

Nessun giocatore è più dominante di Russell Westbrook nei quarti quarti di una partita (Foto Getty)

Qual è la squadra NBA che inizia meglio una partita? Chi sono i giocatori caldi fin dalla palla a due? Quali i protagonisti uscendo dalla panchina o nei finali di partita? Un’indagine su numeri e percentuali NBA, suddivisi per quarti

Molte volte, guardando una partita NBA, si fa caso ad alcuni pattern che si ripetono costantemente: i primi possessi offensivi degli L.A. Clippers affidati costantemente a J.J. Redick o dai Cavs a Kevin Love; l’impatto nei secondi quarti di alcuni specialisti in uscita dalla panchina; il dominio — di palloni e possessi — delle grandi superstar nei quarti e decisivi periodi. Per vedere se certe impressioni sono poi confermate dalla realtà, abbiamo voluto dare un occhio a statistiche e percentuali di squadra e individuali suddividendole quarto per quarto. Ecco cosa ne è emerso. 

Primi quarti — I Golden State Warriors, coi i propri titolari a lungo in campo, sfoggiano il miglior attacco NBA a inizio partita, segnando quasi 31 punti di media (30.9). Nessuno però fa meglio complessivamente di Cleveland nei primi quarti, come testimoniano il differenziale dei punti di squadra (+4.9) e il Net Rating, un ottimo +17.4 figlio di un fantastico rating difensivo (97.6 subiti su 100 possessi). Kevin Love, cavalcato molto nei primi possessi, è il giocatore che segna di più nei primi dodici minuti (9 punti a partita, dato pareggiato solo da Anthony Davis) e sono tutti di Cleveland i giocatori in campo almeno 8 minuti nel primo quarto a far registare il Net Rating più alto (in ordine: James, Love, J.R. Smith e Irving). Il giocatore più cercato nei primi quarti NBA? DeMarcus Cousins, coinvolto nel 35.9% dei possessi dei suoi Sacramento Kings. 

Secondi quarti — Due squadre staccano le altre 28 per Net Rating nei secondi quarti, e sono i Golden State Warriors e i Toronto Raptors. Non un caso, allora, ritrovare Klay Thompson (secondo) e Kyle Lowry (primo) tra i giocatori più efficienti in questi dodici minuti (+18.2 il Net Rating del primo, +18.3 quello del secondo), padroni di quintetti che spesso vedono accanto a loro alcune seconde linee. A segnare più di tutti, però, sono curiosamente i Denver Nuggets, che con Will Barton e (a volte) Wilson Chandler hanno attaccanti pericolosi in uscita dalla panchina, mentre sono gli Hawks ha sfoggiare il miglior Defensive Rating nei dodici minuti che portano all’intervallo. 

Terzi quarti — Dopo la pausa lunga è usanza di tutte le squadre NBA ripresentare al via i quintetti dell’inizio. E allora tornano a dominare i Golden State Warriors, che chiudono il terzo quarto con un saldo medio di +5 sugli avversari e che anche per Net Rating sono la miglior squadra del terzo periodo (+18.8, solo gli Spurs vicini a 18.1, titolari del miglior Defensive Rating) e contano i quattro migliori giocatori (nell’ordine: Thompson, Durant, Curry e Green). Molto bene anche Charlotte, che supera in media gli avversari di 2.7 punti grazie a una difesa che concede solo 99 punti per 100 possessi agli avversari (secondo miglior dato NBA).

Quarti quarti — Le cose si fanno interessanti nell’ultimo quarto, quando spesso le partite si decidono. Addirittura mostruoso lo Usage Rate di Russell Westbrook, titolare del dato più alto anche nei secondi e terzi quarti, ma che nell’ultima frazione decolla al 52.4% dei possessi dei Thunder (Isaiah Thomas nei Celtics è il giocatore che gli va più vicino a quota 42.8% e quello che, con 9.5 punti di media nella frazione, si avvicina di più ai 9.7 del leader di OKC). Per Net Rating sorprendono ai primi due posti due nomi meno nobili come quelli di Patrick Beverley a Houston (+19.1) e di Patrick Patterson a Toronto (19.0), che staccano LaMarcus Aldridge terzo a quota +15.4. I Raptors sono anche di gran lunga la squadra più efficiente nell’ultima frazione (+16.8 di Net Rating e +3.4 lo scarto medio inflitto agli avversari) mentre Boston è la franchigia che segna di più (29.4) e infligge il secondo scarto più ampio (+2.9).

Video

Tutti i siti Sky