Please select your default edition US
Set Default:
Go
Your default site has been set for 7 days
Caricamento in corso...
29 gennaio 2017

NBA, il messaggio di KD a Curry: “Sii te stesso”

print-icon

Dopo un paio di mesi senza particolari acuti, Steph Curry è tornato a fare “Steph Curry things” contro i Clippers. Canestri da metà campo, triple in transizione, balletti e voli sul parquet: il tutto grazie all’incoraggiamento del suo nuovo compagno di squadra Kevin Durant. Curry is back?

Perfino Steve Kerr non ha potuto fare a meno di esprimere tutta la sua invidia per la serata magica di Steph Curry: “Mi piacerebbe davvero provare quello che stai provando tu in questo momento” ha detto l’allenatore degli Warriors al suo giocatore in un momento catturato dalle telecamere di TNT. “Almeno una volta nella vita. Per me tirare 5/6 con quattro triple era tipo il massimo in carriera…”. Una confidenza sincera, ma anche un tentativo di dare ancora più fiducia alla sua stella, dopo che nelle ultime settimane Kerr aveva dichiarato più volte di volere un Curry più aggressivo, perché “quando lui aggredisce, noi siamo al nostro meglio”. La stessa cosa che ha continuato a ripetergli Kevin Durant.

LE PAROLE DI KERR A CURRY

Sii te stesso — Come dichiarato a ESPN, l’ex stella dei Thunder nelle ultime settimane si è avvicinato a Curry nei luoghi più disparati — allenamenti, partite, viaggi in aereo — lanciando a Steph un semplice messaggio: torna a essere te stesso, io mi adatterò. “Gli ho solo detto: ‘Non preoccuparti per me. Gioca come sai, io troverò un modo di funzionare attorno a te. Sei il motore di questa squadra e ne sono consapevole. Non sto cercando di arrivare e far girare tutto attorno a me. Sii te stesso, io ho già giocato abbastanza per capire come segnare e come trovare il pallone. Vai in campo e divertiti’. È quello che sta facendo”. Un’iniezione di fiducia di cui Curry aveva probabilmente bisogno, dopo che nelle prime 30 partite si era impegnato più del solito per accomodare l’ingresso in squadra del numero 35. 

Le parole del diretto interessato — “Per mancanza di termini migliori, mi ha detto di concentrarmi di nuovo ed essere aggressivo” ha dichiarato Curry. “È in conversazioni come queste che si costruisce l’intesa e la chimica di squadra necessaria per affrontare la stagione. Basta capire cosa l’altro ha bisogno di sentirsi dire. Non è stato un incontro sconvolgente: è bastato osservare le cose e darsi supporto l’un l’altro. Hai bisogno di quel tipo di incoraggiamento in una stagione così lunga”. Curry ha detto che non aveva bisogno di un messaggio del genere, ma il fatto che sia arrivato “di sicuro non fa male. Sono sempre in grado di motivare me stesso a fare sempre meglio, ma in una stagione così lunga, se finisci per tenere tutto dentro te stesso ti fai del male da solo. C’è sempre bisogno dell’opinione di una persona esterna, specialmente da uno che si impegna così tanto nel gioco come lo faccio io. È una cosa di cui avremo bisogno anche in futuro, di sicuro”. 

La differenza rispetto all’anno scorso — Durant ha concluso dicendo che l’adattabilità è uno dei suoi tratti migliori e si è detto disponibile a sacrificare se stesso per il bene dei compagni: “Per tutta la stagione [Steph] ha avuto un impatto diverso rispetto a quello dell’anno scorso, dove aveva partite da 10 o 11 triple. Quest’anno fa ancora le giuste letture nel pick and roll, attira su di sé tre o quattro avversari e poi la scarica. Poi arrivano serate come queste e vedi che si scalda in un attimo, e non è una coincidenza: è semplicemente lui che gioca nella maniera giusta. Io voglio che sia se stesso”. Il messaggio è arrivato forte e chiaro: il resto della NBA è avvisato.

le migliori giocate di curry contro i clippers

Video

Tutti i siti Sky