Please select your default edition US
Set Default:
Go
Your default site has been set for 7 days
Caricamento in corso...
13 febbraio 2017

NBA, countdown allo Slam Dunk Contest (2001-2003)

print-icon
Get

Desmond Mason vince nel 2001, Jason Richardson nel 2002, prima che i due si ritrovino in finale nel 2003 per una sorta di spareggio risolutorio. La spunta ancora Richardson, che diventa così il primo giocatore a ripetersi dai tempi di Michael Jordan

2001, DESMOND MASON, Seattle Supersonics — Se quella andata in scena nel 2001 a non è un’edizione che verrà ricordata per le schiacciate messe in mostra, a restare forse più impresso è il nome del vincitore. Desmond Mason, infatti, negli anni ha fatto notizia per aver dato seguito alla sua carriera NBA con un’altrettanto soddisfacente carriera nell’arte, come pittore (sue opere sono state comprate dal CEO di Starbucks Howard Schultz così come da George Clooney — e una perfino da David Stern). Sul fronte della competizione, invece, dopo aver rischiato di non superare neppure il primo turno (91 il suo punteggio combinato, con 90 sono stati eliminati Stromile Swift e Jonathan Bender), Mason l’ha spuntata in finale anche grazie agli errori di DeShawn Stevenson e Baron Davis, che hanno finito per sbagliare una delle due dunk a disposizione (ben 7 su 24 le schiacciate sbagliate nel corso dell’intero concorso). L’anno I DC (Dopo-Carter) insomma, non è stato altrettanto memorabile.

2002, JASON RICHARDSON, Golden State Warriors — Non mancano certo gli atleti nel novero dei partecipanti alla gara delle schiacciate di Philadelphia, che può annoverare il campione in carica Desmond Mason, Steve Francis, Gerald Wallace e Jason Richardson. Sono quest’ultimi due a ritrovarsi in finale, e a regalare spettacolo: la spunta il n°23 dei Golden State Warriors che incanta con la potenza di una sua schiacciata a 360° cui fa seguito una rovesciata a due mani altrettanto poderosa. Anche un saltatore pure come Wallace deve inchinarsi di fronte al nuovo re delle schiacciate.   

2003, JASON RICHARDSON, Golden State Warriors — Due nomi eccellenti come quelli di Amar’e Stoudemire e Richard Jefferson (ancora capace oggi di andare sopra il ferro…) abbandonano il campo dopo il primo turno e lasciano spazio a un duello meraviglioso con cui gli ultimi due campioni, Desmond Mason e Jason Richardson, sembrano voler omaggiate Michael Jordan, protagonista ad Atlanta del suo ultimo All-Star Game. Richardson parte forte già al primo turno (due schiacciate, due 50 per lui) ma ne dovrà inanellare un altro nella sua dunk conclusiva (dopo il 45 fatto registrare alla prima schiacciata di finale) per aver la meglio di Mason, diventando così il primo giocatore capace di vincere il concorso in back-to-back dai tempi di un certo… Michael Jordan (1986 e 1988).

Video

Tutti i siti Sky