Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Boston passa a New York, resta prima a est

NBA

Tutto facile per i Celtics a New York, in vantaggio dal primo all'ultimo minuto e guidati dal solito Isaiah Thomas, tenuto a riposo per tutto il quarto quarto. Con la vittoria 110-94 Boston si conferma prima a Est

Senza Carmelo Anthony e Derrick Rose (il playmaker ex Bulls fuori fino a fine stagione, per un problema al menisco) e senza nulla da chiedere alla stagione (già dato matematicamente addio ai playoff, per la quarta annata consecutiva), i New York Knicks sembrano non aver nulla da chiedere alla sfida del Madison Square Garden contro i primi della classe a Est, i Boston Celtics di Isaiah Thomas. Con un presente amaro, i tifosi blu-arancio si consolano guardando al passato, e celebrando la squadra del 1999 capace di raggiungere la finale NBA per l’ultima volta nella storia della franchigia (e  nonostante la testa di serie n°8): i tifosi tributano applausi e cori all’allenatore Jeff Van Gundy e ai vari Larry Johnson, Marcus Camby, Allan Houston, Latrell Sprewell, Charlie Ward, Herb Williams e Kurt Thomas, campioni della Eastern Conference sul finire dello scorso millennio. Diverse invece destini e fortune dei Knicks 2016-17: il primo quarto vede i Celtics tirare il 67.7% dal campo, mettere a tabellone 34 punti e godere già di un vantaggio in doppia cifra (+11), guidati da quello che solitamente è il re del quarto quarto ma che al Garden è già caldo nel primo, chiuso con 10 punti. 

Celtics in controllo – Il vantaggio di Boston – sempre davanti per tutta la partita – non scende mai sotto i 9 punti, è di 13 all’intervallo (60-47) e sale fino al +26 (100-74) di metà quarto quarto, con Isaiah Thomas già a riposare dall’inizio dell’ultima frazione in panchina (per lui 19 punti con 4/9 da tre punti e 6 assist) e spazio in campo per tutti. Ecco allora come si spiegano nella facile vittoria 110-94 i sei giocatori di coach Steven con almeno 12 punti a referto (oltre a Thomas, ci sono anche i 16 di Jaylen Brown, i 14 di Marcus Smart e Al Horford e i 12 di Kelly Olynyk e Terry Rozier), grazie anche a percentuali al tiro sempre eccellenti, con Boston che chiude con il 55.6% dal campo, dominando anche a rimbalzo (41-32). Per New York il migliore è Courtney Lee con 16 punti, seguito a ruota dai 14 di Kristaps Porzingis, gli ultimi due reduci del quintetto base con cui i Knicks avevano iniziato – pieni di ambizioni – la stagione. Per i blu-arancio è la settima sconfitta nelle ultime nove, mentre i Celtics hanno perso solo contro Milwaukee nelle ultime sette gare, mantenendo così la prima posizione a Est davanti ai Cleveland Cavaliers e centrando la vittoria n°50 in stagione per la 32^ volta nella loro storia, eguagliando un record NBA fino a ieri esclusiva dei loro rivali di sempre, i Los Angeles Lakers.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche