Please select your default edition US
Set Default:
Go
Your default site has been set for 7 days
Caricamento in corso...
13 aprile 2017

NBA, quarto ko in fila dei Cavs, Boston n°1 a Est

print-icon

Il successo di Toronto a Cleveland già assicura il primo posto a Est ai Boston Celtics, che comunque battono Mlwaukee in rimonta nel quarto quarto e si assicurano il primo titolo della Eastern Conference dal 2008. Chicago-Boston e Cleveland-Indiana le sfide di primo turno delle favorite a Est

Boston Celtics-Milwaukee Bucks 112-94

Prima ancora di disputare un quarto quarto da 32-16 e assicurarsi la vittoria contro Milwaukee, la notizia della sconfitta interna di Cleveland aveva assicurato ai Celtics la prima piazza a Est e la testa di serie n°1 (con il vantaggio del fattore campo) nei playoff, che per la squadra di coach Stevens si aprono con la sfida di domenica 16 aprile contro i Chicago Bulls (mezzanotte e mezza orario italiano, 2-2 il bilancio delle sfide stagionali). Per Boston – titolare di un record finale di 53 vittorie e 29 sconfitte – si tratta della prima corona della Eastern Conference dal 2008, annata poi conclusa con la vittoria del titolo NBA. “Avere la testa di serie n°1 è qualcosa di davvero speciale per me – le parole di Isaiah Thomas, autore di 13 punti con solo 3/11 al tiro – non mi era mai successo prima in tutta la mia carriera”. Sotto anche di 13 punti durante il primo tempo, la squadra di coach Stevens – al gran completo, solo per la 36^ volta stagionale con il quintetto preferito – si è affidata a Gerald Green (18 punti dalla panchina) e ai 16 punti a testa di Amir Johnson (6/7 al tiro) e Jae Crowder per rimontare e dominare i Bucks che, senza Giannis Antetokounmpo, hanno avuto in Michael Beasley e Spencer Hawes i propri migliori marcatori, a quota 15 punti. 

Le tre triple di Jae Crowder

Cleveland Cavs-Toronto Raptors 83-98

La frenata (più o meno voluta, più o meno controllata) dei Cleveland Cavs sul finire di stagione – tutte perse le ultime 4 gare, 10-14 il record dall’inizio di marzo – permette ai campioni in carica di arrivare ai playoff avendo fatto tirare un po’ il fiato alle proprie superstar ma solo con la testa di serie n°2 a Est, vista la sconfitta subita in casa contro Toronto nell’ultima gara di stagione regolare. Senza LeBron James, Kyrie Irving e Kevin Love, tutti a riposo, ma con il ritorno in campo di Tristan Thompson (10 punti con 5/6 dal campo in 18 minuti) e l’esordio di Ed Tavares (autore di 6 stoppate), la squadra di coach Lue ha prodotto un secondo quarto da soli 13 punti che ha sostanzialmente segnato la gara, condotta da Toronto 53-34 già all’intervallo. “Sono comunque fiducioso che i ragazzi siano pronti per una bella cavalcata ai playoff”, le incoraggianti parole di coach Lue dopo la sfida, affrontata evidentemente con la testa già a gara-1 di primo turno contro gli Indiana Pacers testa di serie n°7 (la partita dà il via ai playoff NBA 2017, sabato alle ore 21 italiane). Cleveland ha battuto tre volte su quattro Indiana negli scontri di stagione regolare. Per Toronto la vittoria nello contro Cleveland gli ha permesso di eguagliare il record dei campioni NBA in carica (51-31), pur sapendo che un tie-break sfavorevole in virtù degli scontri diretti li avrebbe comunque relegati al terzo posto a Est, portandoli a una sfida di primo turno contro i Milwaukee Bucks (3-1 per i canadesi il bilancio in stagione, gara-1 sabato 15 ore 23.30 italiane). La squadra allenata da coach Casey – che nell’ultima uscita stagionale ha tenuto a riposo DeMar DeRozan e Serge Ibaka, ha visto Norman Powell segnare 25 punti, con 13 a testa da Jonas Valanciunas e Kyle Lowry. 

Video

Tutti i siti Sky