Please select your default edition US
Set Default:
Go
Your default site has been set for 7 days
Caricamento in corso...
16 maggio 2017

NBA, è la notte della Lottery del Draft 2017: tutti gli scenari

print-icon
NBA Draft Lottery

La Lottery, l'evento che decide l'ordine di scelta al prossimo Draft NBA (Foto Getty)

Il futuro di molte squadre rimaste fuori dai playoff si decide stanotte con la Lottery del prossimo Draft: ecco quali sono gli scenari per le squadre coinvolte, a partire da Celtics e Lakers

Per quasi tutte le squadre rimaste fuori dai playoff, la vera estate comincia stanotte. L’appuntamento è alle 2 ora italiana, quando a New York verranno estratte le palline che decreteranno l’ordine di scelta del prossimo Draft, appuntamento cardine per qualsiasi franchigia NBA, specialmente quelle che sono andate peggio nel corso dell’ultima stagione. Per alcune squadre questa estrazione – che viene eseguita un’ora prima dello show televisivo e solo un rappresentante per squadra e pochi membri dei media assistono alla vera “lotteria” in una stanza senza comunicazioni con l’esterno, per evitare “spoiler” – avrà un’importanza cruciale non solo per la prossima stagione ma anche per il prossimo lustro o anche decennio, perché pescare un talento “generazionale” potrebbe cambiare l’intera traiettoria delle loro crescite.

Boston Celtics

Ovviamente la squadra che più ha da vincere da questa Lottery è anche quella che più ha da perdere: con il 25% di possibilità di vincere la prima scelta assoluta, i tifosi dei Celtics si sono ormai abituati all’idea di poter contare su un prospetto come Markelle Fultz per il prossimo anno, ma anche di poter utilizzare quella scelta sul mercato per arrivare a una stella. Una situazione quasi senza precedenti per una squadra capace di chiudere al primo posto a Est e di raggiungere la finale di conference, ma se la scelta dovesse scendere alla 3 o alla 4, la situazione sarebbe leggermente diversa sul mercato – perché un conto è proporre la possibilità di rifondare una franchigia su Fultz e un’altra è farlo con un giocatore sicuramente inferiore.

Los Angeles Lakers

La storia è ormai nota a tutti: stanotte i gialloviola non si giocano solamente la scelta del Draft 2017, ma anche quella del 2019. Perdere la prima in favore dei Philadelphia 76ers (cosa che accadrebbe nel caso in cui non finisse in top-3) significherebbe perdere anche la seconda, spedendola senza alcuna protezione agli Orlando Magic. L’unica nota positiva di questo scenario altrimenti disastroso è quella di avere la certezza di tenere la scelta del 2018, che invece finirà a Philadelphia se stanotte i Lakers finissero in top-3. Una situazione certamente intricata che rappresenterà il primo snodo cruciale per la dirigenza capitanata da Magic Johnson, scelto come “faccia” della franchigia nella Lottery di stanotte. Che il suo iconico sorriso possa portare di nuovo fortuna a Los Angeles, procurandosi l’opportunità di scegliere Lonzo Ball – che a quanto pare piace tantissimo ai gialloviola? 

Philadelphia 76ers

Ovviamente la sfortuna di una squadra può rivelarsi la fortuna dell’altra: ricevendo la scelta dei Lakers e vincendo la Lottery, i Sixers potrebbero ritrovarsi con due scelte nelle prime quattro e aggiungere due pezzi fondamentali per il loro futuro attorno a Joel Embiid e Ben Simmons. Al contrario, scivolare ancora più in basso dalla quarta posizione attualmente occupata significherebbe con ogni probabilità rimandare ancora di un anno la vera svolta al “Process” che i tifosi aspettano ormai da quattro lunghe stagioni. I Sixers hanno però un’altra carta in mano: se i Sacramento Kings vincessero la prima scelta (hanno l’2.8% di possibilità di riuscirci) o scegliessero in top-3 (9.9% di possibilità), Philadelphia potrebbe scambiare con loro la scelta e “salire” nel Draft.

Sacramento Kings

Per uno strano scherzo del destino, ai Kings potrebbe non dispiacere nemmeno così tanto cedere la scelta ai Sixers, perché vorrebbe dire ricevere la scelta di Philadelphia che sarà sicuramente più alta della loro (attualmente l’ottava). Soprattutto, a Sacramento devono tifare contro le palline di New Orleans, perché se si concretizzasse il 4% di possibilità dei Pelicans di finire in top-3 loro perderebbero la scelta (attualmente alla 10) ricevuta nello scambio per DeMarcus Cousins. I Kings poi devono sperare anche che alla 8 arrivi una point guard più che necessaria per rilanciare il “movimento giovane” inaugurato dopo l’addio a Boogie: averne due in top-10 sarebbe ovviamente ancora meglio. (Esiste una piccolissima possibilità che i Kings perdano entrambe le scelte, nel caso in cui i Pelicans e altre due squadre sotto Sacramento finissero in top-3: uno scenario decisamente improbabile, ma in quel caso i Kings finirebbero undicesimi e dovrebbero cedere la scelta a Chicago per una vecchia trade che per sei anni consecutivi, abbastanza incredibilmente, sono riusciti a proteggere).

New Orleans Pelicans

Vincere la Lottery per i Pelicans vorrebbe dire pescare tre piccioni con una fava: aver preso Cousins cedendo sostanzialmente solo Buddy Hield; aggiungere un talento di assoluto livello in una posizione attualmente scoperta (Jrue Holiday sarà free agent in estate); potenzialmente, dare un motivo per rimanere a Cousins (che uscirà dal contratto il prossimo anno) e Anthony Davis, la cui scadenza del contratto è ancora lontana (luglio 2020) ma non così lontana.

Orlando Magic

Dopo i Sixers, anche i Magic osservano con molto interesse quello che succederà ai Lakers, aspettando a braccia aperte il pick non protetto del 2019. Ad ogni modo, le loro speranze risiedono anche nelle proprie palline (8.8% di possibilità di vincere la prima scelta, 29.1% top-3) per trovare quel giocatore-franchigia in grado di far fare il salto di qualità a una squadra finora incompiuta, e per la quale ha pagato per tutti il GM Rob Hennigan recentemente licenziato. Pescare un Markelle Fultz o un Lonzo Ball sarebbe un colpo straordinario per una squadra che ha bisogno di un volto per la propria franchigia cinque anni dopo aver perso Dwight Howard.

New York Knicks

Quanto sarebbe intrigante avere una prima scelta assoluta in maglia Knicks a fare da spalla a Kristaps Porzingis? Non che sia esattamente auspicabile per un giovane ricevere tutte quelle pressioni da un mercato enorme, in una franchigia disfunzionale e in un sistema di gioco non facile nemmeno per un veterano, ma la fascinazione rimane. Per i Knicks comunque anche rimanere alla sette non è così male, a patto che arrivi una point guard “di seconda fascia” come Frank Ntilikina o De’Aaron Fox per poter dare un po’ di speranza ai tifosi di New York.

Tutte le altre

Tra le squadre con maggiori possibilità, le situazioni di Phoenix (2° nell’attuale ordine) e Minnesota (6°) sono abbastanza simili: entrambe hanno già un “progetto giovani” in atto ma, con proporzioni diverse, entrambe hanno bisogno di mostrare miglioramenti indipendentemente dall’arrivo o no di un nuovo rookie di alto profilo. Nella parte bassa della Lottery, ovviamente per Dallas (9°) pescare una top-3 vorrebbe dire regalare un ultimo anno divertente a Dirk Nowitzki e aggiungere un giovane al nucleo formato da Harrison Barnes e Nerlens Noel. Charlotte, Detroit, Denver e Miami hanno tutte meno dell’1% di possibilità di pescare la 1 e meno del 3% di finire in top-3: sarebbe un colpo di fortuna incredibile riuscire a beccare la combinazione giusta, e aggiungerebbe un pezzo fondamentale per arrivare a quei playoff mancati solo alla fine nella scorsa regular season.

Posizione pre-Lottery     % Prima Scelta      % scelta Top-3

1)     Boston Celtics (via Brooklyn)    25%                       64.3%

2)     Phoenix Suns                                  19.9%                     55.8%

3)     Los Angeles Lakers                      15.6%                     46.9%

4)     Philadelphia 76ers                        11.9%                      37.8%

5)     Orlando Magic                                 8.8%                      29.1%

6)     Minnesota Timberwolves           5.3%                      18.3%

7)     New York Knicks                              5.3%                      18.3%

8)     Sacramento Kings                          2.8%                       9.9%

9)     Dallas Mavericks                             1.7%                         1.1%

10)  Sacramento Kings (via NOLA)    1.1%                           4%

11)   Charlotte Hornets                          0.8%                        2.9%

12)  Detroit Pistons                                 0.7%                        2.5%

13)  Denver Nuggets                               0.6%                        2.2%

14)  Miami Heat                                         0.5%                         1.8%

15)  Portland Trail Blazers

16)  Chicago Bulls

17)  Milwaukee Bucks

18)  Indiana Pacers

19)  Atlanta Hawks

20) Portland Trail Blazers (via Memphis)

21)  Oklahoma City Thunder

22) Brooklyn Nets (via Washington)

23) Toronto Raptors (via L.A. Clippers)

24) Utah Jazz

25) Orlando Magic (via Toronto)

26) Portland Trail Blazers (via Cleveland)

27) Brooklyn Nets (via Boston)

28) Los Angeles Lakers (via Houston)

29) San Antonio Spurs

30) Utah Jazz (via Golden State)

Video

Tutti i siti Sky