Caricamento in corso...
09 luglio 2017

NBA, che paura per Markelle Fultz, ma è solo una distorsione

print-icon

La scelta numero 1 dell'ultimo Draft si è accasciato al terreno ed è stato portato fuori a braccia dalla partita di Summer League con i Golden State Warriors. Dopo l'iniziale paura, l'infortunio si è rivelato solo una grave distorsione alla caviglia. La sua Summer League però finisce qui

Non appena Markelle Fultz si è accasciato al terreno, nelle teste dei tifosi dei Philadelphia 76ers e in quelle di tutti gli appassionati di NBA sarà passato lo stesso pensiero: “Oh no, non ancora”. Dopo aver perso per degli infortuni ai piedi sia Joel Embiid che Ben Simmons nelle ultime stagioni, il timore che la scelta numero 1 dell’ultimo Draft dei Sixers si fosse fatto male gravemente era fortissimo, ma per fortuna – secondo quanto riportato da ESPN – la prima diagnosi parla solamente di una forte distorsione alla caviglia. “Lo tratteremo come sarà necessario e ci andremo con cautela, facendo recuperare completamente” ha dichiarato l’allenatore della Summer League Lloyd Pierce, confermando che il suo status per le prossime partite è incerto e non sono stati stabiliti i tempi di recupero. Fultz ha messo male il piede su quello di un avversario cercando una stoppata durante il terzo quarto della partita di Summer League dei suoi Sixers contro i Golden State Warriors, vinta poi dai suoi compagni 95-93. L’ex stella dell’università di Washington ha chiuso con 8 punti in 15 minuti, mentre anche il suo compagno Timothe Luwawu-Cabarrot ha dovuto abbandonare il parquet dopo un taglio sul labbro superiore che ha richiesto dei punti. “Non è mai una gran cosa quando un giocatore, anzi in questo caso due, si infortunano nella stessa azione” ha dichiarato il GM Bryan Colangelo a ESPN. “Però, sulla base della prima diagnosi, poteva andarci decisamente peggio”. “Sono abbastanza stordito con tutti gli infortuni che abbiamo avuto negli ultimi anni con le nostre prime scelte” ha dichiarato uno sconsolato coach Brett Brown. Un sentimento condiviso anche dal padre spirituale della franchigia, Joel Embiid, che su Twitter ha scritto solo: “Oh no no no… non fateci questo”. Sono stati evitati guai peggiori, il Process può continuare - anche se la Summer League della prima scelta assoluta è già finita.