Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Isaiah Thomas si opera: stagione finita, ma i Lakers valutano il rinnovo

NBA

Il numero 4 dei Lakers si è operato di nuovo all’anca per rimuovere alcuni residui e risolvere un’infiammazione. Finita la stagione, per Thomas inizia la partita più complessa: il rinnovo contrattuale da trovare dal prossimo 1 luglio

SAN ANTONIO-HOUSTON IN STREAMING DOMENICA ALLE 21.30

Finisce com’era iniziata la complessa regular season di Isaiah Thomas, costretto a una lunga riabilitazione a causa dei problemi all’anca fino a gennaio e ritornato sotto i ferri con tre settimane d’anticipo rispetto alla fine della stagione. Lo hanno annunciato i Lakers, comunicando l’intervento in artroscopia all’anca che servirà a “ripulire la giuntura da tutti i residui che portano all’infiammazione dovuti all’operazione dello scorso anno”. Queste le parole del dottor Bryan Kelly dell’Hospital for Special Surgery di New York, dove Thomas ha deciso di risolvere i problemi che erano tornati a tormentarlo durante le ultime gare. Finisce quindi dopo 17 partite la stagione di IT in maglia Lakers, due in più di quelle giocate con i Cavaliers prima del rocambolesco trasloco a poche ore dalla fine del mercato dello scorso 9 febbraio. Una presenza d’impatto nello spogliatoio losangelino, ben oltre quello raccontato dalle statistiche, come sottolineato anche da coach Walton: “La priorità resta sempre il bene della squadra e lui non lo ha mai messo in discussione. Isaiah e Julius [Randle] stavano sviluppando un’ottima connessione sul parquet [nonostante qualche volta siano volate parole grosse, ndr]. Con Kuzma invece passa sempre il tempo a scherzare fuori dal campo. È un grande ragazzo, riesce ad avere un effetto positivo su tutti i giovani che condividono il parquet con lui”. L’allenatore dei Lakers ha anche raccontato che Thomas appena arrivato aveva chiesto il posto da titolare, di essere sin dalla palla a due sul parquet, ma di non essersi poi mai lamentato del ruolo da giocatore in uscita dalla panchina che gli è stato assegnato. Gli obiettivi del gruppo sono sempre venuti prima di quelli personali, dunque [nonostante le sue uscite a volte fuori luogo abbiano fatto immaginare altro, ndr]. Adesso però che la sua stagione è finita bisogna tirare le somme e valutare tutte le opzioni a disposizione del piccolo (e in passato anche grande) Isaiah.

Un altro anno ai Lakers, un accordo che può far comodo a entrambi

Dodici mesi fa Thomas era sul tetto del mondo, indicato da più parti come outsider nella corsa al titolo di MVP della regular seas0n 2016-17. Una suggestione, certo, ma che dava il senso di quanto fossero importanti le giocate e le prestazioni della point guard in maglia Celtics. Sedersi a un tavolo per trattare il suo rinnovo contrattuale in quel momento avrebbe messo con le spalle al muro chiunque, portandolo letteralmente a quintuplicare i 6 milioni di dollari previsti dal suo precedente accordo. Poi però è arrivata l’operazione, lo scambio ai Cavaliers per Irving, e i quasi otto mesi di stop. Una via crucis al termine della quale Thomas ha perso brillantezza fisica e lucidità nelle scelte, incapace di adattarsi in una polveriera come lo spogliatoio di Cleveland e nuovamente costretto al trasloco dopo sole 15 partite. Le sue carenze difensive, unite alle percentuali in crollo (36% al tiro e 25% dall’arco nella parentesi in Ohio) e all’atteggiamento tutt’altro che conciliante in spogliatoio, lo hanno reso un asset molto meno interessante in prospettiva rinnovo. Detta in parole povere: dodici mesi fa avrebbe tranquillamente firmato un contratto da 100 milioni di dollari (come minimo), adesso con fatica potrà sperare di andare oltre il biennale. Nonostante la ricaduta e la nuova operazione, i Lakers restano la strada più probabile da poter percorrere in estate, ben consapevole del fatto che i losangelini hanno di base altri progetti. Qualora fallisse però l’assalto estivo a James e George, i Lakers potrebbero virare su di lui, riempiendo magari con un annuale il salary cap in attesa della free agency 2019. Sarebbe la soluzione ideale per entrambe le parti: i Lakers potrebbero continuare a crescere grazie al lavoro di un giocatore che reputano affidabile e che già conoscono, apprezzato anche da Walton; Thomas invece avrebbe una stagione per rilanciarsi, per dimostrare al mondo NBA di valere ancora un contratto importante. Il numero 4 trascorrerà le prossime settimana diviso tra Los Angeles e Seattle, impegnato con la riabilitazione che i Lakers continueranno a fargli fare nelle loro strutture anche qualora non ci fosse l’accordo dal prossimo 1 luglio. Un primo segnale, che lascia ben sperare per il futuro.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche