Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron James incorona Kevin Durant: “Il giocatore più forte che abbia mai affrontato”

NBA

Mauro Bevacqua

Una prestazione da 43 punti, 13 rimbalzi, 7 assist e il canestro del definitivo ko mette tutti d'accordo: Kevin Durant è l'assoluto MVP di gara-3 e la vera differenza tra gli Warriors degli ultimi due anni e le loro versioni precedenti

CLEVELAND, OHIO — “Quando Kevin [Durant] ha segnato quella tripla [quella del 106-100, a 49 secondi dalla fine, ndr] ho urlato tantissimo, e Draymond pure — racconta Steph Curry col sorriso sul volto — perché invece KD anche dopo un canestro del genere ha sempre la stessa faccia. Insomma: qualcuno deve pur mostrare delle emozioni…”. Sembra quasi scusarsi, il n°30 degli Warriors, per la gioia che riesce a portare in campo anche in una serata da 3/16 al tiro e solo 1/10 da tre punti, mentre il suo compagno con il n°35 — il protagonista assoluto di gara-3, chiusa con 43 punti (massimo in carriera ai playoff), 13 rimbalzi e 7 assist, frutto di un ottimo 15/23 al tiro e 6/9 da tre punti — sembra rimanere freddo e glaciale in ogni occasione. “No, non fraintendetemi — dice invece Durant — perché ogni volta che segno un canestro del genere io dentro di me sono felicissimo, anche se magari non lo faccio più vedere come una volta. Segnare canestri del genere a questo livello non è per nulla facile, per cui fidatevi: sono davvero felice ogni volta che riesco a farlo”. Da Tyronn Lue a Kevin Love, a molti non è passata inosservata la similitudine tra la tripla segnata da Durant nel finale e l’analogo canestro mandato a segno in gara-3 lo scorso anno, anche in quel caso decisiva per portare Golden State sul 3-0 nella serie. ““Gran tiro, simile a quello che ha segnato l’anno scorso”, ammette l’allenatore dei Cavs, tanto che Kevin Love parla addirittura di “deja vu”: “Un canestro davvero simile a quello dello scorso anno — anche stavolta in gara-3, lo stesso momento della partita”. Lui, il diretto interessato, assicura di non averci neppure pensato: “L’unica cosa a cui ho pensato è stato tirare e segnare. Per il resto — dice — è stata una gara diversa, è una stagione diversa, ho vissuto sensazioni diverse: per me è tutto diverso, quella di stasera è soltanto un’altra partita di pallacanestro e domani dobbiamo tornare al lavoro e cercare di fare ancora meglio in vista di gara-4”. Glaciale anche nei commenti, non solo nelle reazioni in campo, Durant — che vede il suo punto di vista condiviso niente meno che da LeBron James: “No, non è lo stesso tiro — concorda il n°23 dei Cavs — perché stavolta lo ha segnato da molto più lontano. Giù il cappello comunque davanti a un giocatore capace di segnare canestri così importanti”, dice.

Tutti i Cavs rendono omaggio a KD

Ma“King” James non ha finito di regalare complimenti al suo avversario: “Me l’avete già chiesto altre volte: qual è la differenza tra gli Warriors dell’anno scorso o di quest’anno e quelli precedenti? Cosa vi avevo risposto? Kevin Durant, esatto. La mia risposta era stata proprio questa: Kevin Durant”, ripete James, che poi aggiunge: “è uno dei giocatori più forti che abbia mai affrontato e che questa lega abbia mai visto, per la sua abilità di trattare il pallone, di tirare, di creare gioco sfruttando un mix unico di centimetri, stazza e velocità”. Concorda anche coach Lue: “Uno come lui fa la differenza: è uno dei migliori giocatori di uno-contro-uno della lega — anzi, è uno dei due migliori giocatori in assoluto [l’altro ovviamente LeBron, ndr]: questa sera il suo talento nel giocare uno-contro-uno e nell’andare in lunetta li ha salvati”. “Un potenziale MVP ogni anno — riconosce anche Kevin Love — un All-NBA, sempre nel primo quintetto: la sua presenza aggiunge dinamiche completamente diverse a questa squadra”.

I complimenti di Curry, Green e Kerr

Steph Curry, uno che di tiri importanti se ne intende, sceglie di mettere l’accento sulla “suprema fiducia in sé di KD: lavora duro sul suo gioco ogni giorno, per questo è pronto per momenti come questi”, dice. “Quando credi in te stesso nessun momento di nessuna partita ti sembra fuori portata. Ma ci vuole coraggio e allo stesso tempo grande controllo di sé per segnare tiri come quello dell’anno scorso e come quello di stasera: è stato davvero fantastico. Sono convinto che se anche l’avesse sbagliato avrebbe accettato serenamente le conseguenze dell’errore, sapendo tutto il lavoro fatto per meritarsi di prendere quel tiro, perché questo è quello che fanno le superstar”. Il suo allenatore allarga il campo dell’analisi oltre il singolo tiro ad abbracciare una prestazione superba a 360 gradi: “Vero — ammette — ha segnato ogni volta che ne avevamo bisogno, ma non sono solo i punti a definire la sua gara: ha dato via 7 assist ed è andato molto bene a rimbalzo — e quando KD è attivo in difesa e sotto i tabelloni solitamente per noi è un buon segno”, l’analisi di Kerr. Che poi, per spazzare ogni dubbio, aggiunge: “Kevin [Durant] è stato il motivo per cui nel primo tempo siamo rimasti in partita e Kevin è stato il motivo per cui nel secondo tempo l’abbiamo vinta”. E si ritorna al tiro del 106-100, che la gara l’ha chiusa definitivamente in favore degli Warriors: “KD segna in modo diverso da come fa Steph [Curry]”, racconta Draymond Green. “Steph è più appariscente, balla in campo, si inventa uno step back, fa cadere per terra il suo marcatore — dice — mentre Kevin si limita a tirare in testa agli avversari. Il risultato, però, è lo stesso”. E se ne sono accorti, ancora una volta, i Cleveland Cavs: condannati da KD alla sconfitta l’anno scorso e di nuovo ancora anche quest’anno.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche