18 ottobre 2018

NBA, Houston-New Orleans 112-131: i Pelicans vincono a sorpresa grazie a super Anthony Davis

print-icon

Il candidato MVP firma la prima sorpresa della stagione: 32 punti, 16 rimbalzi e 8 assist condannano i Rockets alla sconfitta in una gara mai in discussione. Trenta punti per Mirotic, tripla doppia all'esordio per Elfrid Payton. Solo 9 punti con 3/10 al tiro per Carmelo Anthony al suo debutto in Texas

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE NBA

LEONARD VINCE ALL'ESORDIO CON TORONTO, CHE SFIDA BUCKS-HORNETS

La prima grande sorpresa della stagione 2018-19 arriva da Houston, dove i Rockets vengono battuti sonoramente dai New Orleans Pelicans. E non è neanche la sconfitta in sé a fare rumore, quanto la portata della prestazione: la miglior squadra di regular season della scorsa stagione non ha mai guidato per tutta la partita, chiudendo il primo tempo sotto di 17 lunghezze e scivolando anche a -29 nel corso del terzo quarto, senza mai riuscire a impensierire gli ospiti. Merito del solito, incredibile Anthony Davis da 32 punti, 16 rimbalzi, 8 assist, 3 recuperi e 3 stoppate con una sola palla persa, ma anche della mano caldissima di Nikola Mirotic (30 punti con 6/8 da tre), dei 25 dalla panchina di Julius Randle e dei 21 di E’Twaun Moore. Un’esplosione offensiva che ha portato Elfrid Payton a festeggiare il suo debutto in maglia Pelicans con una tripla doppia minimalista (10 punti, 10 rimbalzi e 10 assist) e ha concesso una serata di relativo riposo a Jrue Holiday (0/6 da tre punti, pur chiudendo con 10 punti e 8 assist), perché tanto i lunghi hanno fatto ampiamente il loro dovere. A fare la differenza è stata infatti la capacità degli ospiti di imporsi in area: a fine serata il conto dei punti nel pitturato ha visto Davis e soci rifilarne ben 76 contro i 44 dei padroni di casa, battuti anche nei punti da seconda opportunità (16-10) e da quelli in contropiede (19-14).

Difesa inesistente e debutto di Anthony rovinato

Houston ha vissuto una serata piuttosto scialba al tiro da tre punti (16/48, 33%) e le sue due stelle non erano particolarmente ispirate (19 per Chris Paul, 18 con 9 rimbalzi e 10 assist ma con 6/15 al tiro per James Harden), e non sono nemmeno serviti i 40 punti in coppia di Eric Gordon (il migliore dei suoi con 21 punti) e P.J. Tucker (19). I problemi, infatti, sono stati soprattutto difensivi, dove si sono incominciate a vedere le crepe lasciate dagli addii di due difensori come Trevor Ariza e Luc Richard Mbah a Moute, oltre che del coordinatore Jeff Bzdelik. Nella scorsa stagione solamente una volta Houston aveva concesso 129 punti nei tempi regolamentari, e contro i Pelicans vantava un record di 11 vittorie nelle precedenti 14 sfide. La sonora sconfitta ha anche rovinato il debutto di Carmelo Anthony con la nuova maglia: per il numero 7, entrato dalla panchina nel corso del primo quarto e accolto dagli applausi del Toyota Center, ci sono 9 punti ma con 3/10 al tiro, percentuali calate a picco dopo aver mandato a segno i primi due tiri della sua carriera a Houston. È solamente la prima partita e ci sarà tempo per rimediare, ma il debutto non è stato certamente quello che si aspettavano questi Rockets con ambizioni di titolo.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi