Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
18 agosto 2019

NBA, chi è Emoni Bates, il liceale di 15 anni candidato a 1^ scelta assoluta al Draft 2022

print-icon
Emo

Viene da Ypsilanti, Michigan, si è già guadagnato l'attenzione di Sports Illustrated e i paragoni eccellenti con Kevin Durant e Penny Hardaway. Per molti è il più forte liceale dai tempi di LeBron James, e come lui potrebbe passare direttamente dall'high school alla NBA

Non capita spesso che un ragazzino — di neppure 16 anni, compie gli anni a gennaio — catalizzi l’attenzione di tutta l’America sportiva. Viene ovviamente alla mente il nome di LeBron James, e non è forse un caso che proprio la testata che ha reso famoso a livello nazionale il ragazzino di Akron, Ohio con la sua prima copertina eccellente (Sports Illustrated del febbraio 2002, con il celebre titolo The Chosen One) è anche quella che oggi annuncia l’arrivo di un nuovo fenomeno, Emoni Bates. Per lui — proveniente da Ypsilanti, Michigan — le aspettative sono già altissime: per molti scout, osservatori e anche general manager NBA Bates, oggi solo al secondo anno di liceo, è sicuramente il miglior giocatore di high shcool di classe 2022 in tutta America. Un anno non banale perché, secondo molti, sarà il primo in cui verrà nuovamente permesso ai giocatori liceali di compiere il salto diretto nella NBA, il che potrebbe rendere secondo molti Emoni Bates la prima scelta assoluta al Draft 2022. Una previsione così realistica che tantissimi college di primo livello — se si fa eccezione per quello di casa, Michigan State — non hanno neppure iniziato il corteggiamento del ragazzino di Ypsilanti, convinti infatti che non disputerà mai un solo secondo di college basketball. Il padre, Elgin — un ex giocatore professionista, con un passato in Europa, tra Germania e Svizzera — ha fondato e dirige una squadra AAU (Bates Fundamental) per seguire da vicino lo sviluppo del figlio, che a neppure 16 anni è già seguito quotidianamente da una crew di operatori che sta realizzando un documentario sulla sua storia. Come spesso avviene, sono molti i paragoni eccellenti che si fanno per cercare di rendere un’idea della combinazione di stile di gioco e struttura fisica del ragazzo: il più ricorrente è quello che lo vuole “un giovane Kevin Durant” (i due si sono ovviamente già conosciuti), dato che ancora 15enne misura già 203 centimetri di altezza e che la parte muscolare del suo corpo sia ancora tutta da sviluppare. Atletico e longilineo (almeno per il momento): questo l'identikit attuale del ragazzo, ed ecco perché tra le comparazioni spunta anche il nome di Penny Hardaway, mentre per il tipo di dedizione alla pallacanestro e di mentalità (“Spesso mi costringe ad andare ad allenarsi con lui alle 5.30 del mattino”, si lamenta il padre) c’è anche chi ha scomodato Kobe Bryant.

Russell Westbrook il suo giocatore preferito

Lui per il momento indica Russell Westbrook come il suo giocatore preferito e da ragazzino qual è va matto per SpongeBob e per Cattivissimo me, il suo film preferito. Quando è in campo però — come ha recentemente dimostrato in un camp estivo appena sopra Los Angeles, cui ha partecipato come unico sophomore tra junior e senior liceali — sa tener testa a giocatori più grandi e più grossi di lui. Oggi gli scout sono innamorati del modo in cui tratta il pallone, restando in trepida attesa di vedere in quale modo il suo fisico finirà di svilupparsi, tanto per intuire la sua apertura di braccia finale (utile soprattutto in fase difensiva e a rimbalzo) quanto per capire il tonnellaggio muscolare con cui scenderà in campo da adulto. Un processo di crescita e di sviluppo che, c’è da scommettere, avverrà con ogni probabilità sotto gli occhi di tutta America.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi