Caricamento in corso...
30 settembre 2009

Olimpiadi 2016, c'è una Chicago che "gufa" Chicago & Obama

print-icon
bar

Barack Obama, il n° 1: vuole tornare vincitore da Copenhagen

Il dissenso interno alla candidata per i Giochi è palpabile. E viaggia su internet. Con un sito pensato per tifare contro. Anzi, per tifare Rio: "Lì ballano nudi, qui solo obesi che mangiano". Michelle Obama è già a Copenhagen. LO SPECIALE OLIMPIADI

SCOPRI LO SPECIALE OLIMPIADI

COMMENTA NEL FORUM DELLE OLIMPIADI

L'APPELLO DI OBAMA AL CIO PER CHICAGO 2016


Barack Obama, il sindaco di Chicago e la star della tv Oprah Winfrey sperano di tornare nella Città del Vento con in tasca le Olimpiadi del 2016. Ma in una città tappezzata dallo slogan "We back the bid" (sosteniamo la candidatura) il dissenso è comunque palpabile. E, ovviamente, viaggia su internet. Perché nella metropoli dell'Illinois, afflitta da una scomoda familiarità con problemi nei servizi pubblici e vicende di corruzione, non sono in pochi a vedere nei Giochi il rischio di nuove tasse e nuovi problemi.

Così c'è chi ha pensato bene di lanciare un sito internet per scongiurare anche in rete lo spauracchio a cinque cerchi: il dominio è eloquente, ChicagoansForRio.com. Nella città di Obama e dei Blues Brothers, insomma, si tifa anche per Rio de Janeiro, considerata grande favorita insieme a Chicago davanti a Tokyo e Madrid. Nella home page, dove campeggia un tedoforo a cui scappa di mano la torcia olimpica, il fronte del 'no' fa capire chiaramente che i timori sono quasi tutti di natura economica.

"Sarebbe fantastico ospitare le Olimpiadi qui a Chicago", si legge, "ma sapete cosa sarebbe addirittura migliore? Rio De Janeiro. Date le Olimpiadi a Rio, a noi non importa. Onestamente". Ironia allo stato puro sullo spauracchio dei conti in rosso (quelli di Londra 2012, ma si accenna anche a Montreal 1976) e autoironia di convenienza nel paragone tra Rio e Chicago: sulle statue simbolo delle due città, "Cristo in piedi contro Lincoln seduto", oppure sugli eventi tradizionali, "gente nuda che balla contro gente obesa che mangia".

Intanto, Michelle Obama è arrivata a Copenhagen per sostenere la candidatura di Chicago alle Olimpiadi del 2016. La first lady statunitense è atterrata all'aeroporto della capitale danese alle 11.30 in compagnia del sindaco di Chicago, Richard Daley. Sullo stesso volo anche la presidente del comitato promotore, Lori Healey, e l'olimpionica Jackie Joyner, leggenda dell'atletica leggera. Il presidente degli Stati Uniti raggiungerà Copenhagen venerdì.

Tutti i siti Sky