Caricamento in corso...
20 novembre 2009

Vancouver prima della festa: sei motivi per visitarla adesso

print-icon
van

Vancouver conta circa 615 mila abitanti, ma con l'area metropolitana supera i due milioni

Un modo per avere un assaggio prima del tutto esaurito: Vancouver in questi giorni prova a rilassarsi prima delle Olimpiadi. E per il turista che rifugge la folla dei grandi eventi, ci sono almeno sei buoni motivi per farci un salto in questo periodo

di Luca Di Garbo

SCOPRI LO SPECIALE OLIMPIADI

COMMENTA NEL FORUM DELLE OLIMPIADI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Vancouver prima delle Olimpiadi è un palco già pronto, un riflettore spento che attende solo di essere acceso. E andare a Vancouver prima delle Olimpiadi, è un modo per avere un assaggio del tutto prima del tutto esaurito. E’ come assistere alle prove generali di uno spettacolo tanto atteso e godersi la quiete che precede la tempesta di colori, suoni e bandiere. Vancouver in questi giorni prova a rilassarsi prima dello show, mancano gli ultimi ritocchi ma il più è fatto. E per il turista che rifugge la folla dei grandi eventi, ci sono almeno sei buoni motivi per fare un salto da queste parti, in questo periodo. 

Uno. La città è già in clima Olimpiadi e si avverte nell’aria. La frenetica stagione delle costruzioni è terminata. L’aeroporto è pieno di manifesti e murales. Le bandiere olimpiche sono già appese. Le simpatiche mascotte campeggiano un po’ ovunque e in abbondanza. E’ poi è possibile visitare i siti olimpici: Whistler - dove si svolgerà il grosso delle competizioni tra cui le gare di sci alpino e di fondo - dista 125 chilometri da Vancouver, il tempo di un breve viaggio panoramico in treno e magari avete pure la soddisfazione di calzare gli sci sulla neve olimpica.

Due. C’è posto in albergo. Dal 12 al 28 febbraio la disponibilità è nulla o quasi e i prezzi sono pazzi. Al momento, invece, spendete qualcosa come 160 euro a notte per due persone in uno dei più prestigiosi hotel 5 stelle di downtown. O anche molto meno, dipende dalle esigenze.

Tre. Il clima è temperato. La media del periodo si aggira intorno ai 9 gradi, anche se c’è da dire che a differenza di Toronto e Montreal, Vancouver ha un clima mite e non conosce inverni particolarmente rigidi e nevosi come quelli delle città dell’est Canada. In compenso di questi tempi si rischia di beccare un po’ di pioggia. C’è un detto: “A Vancouver quando esci di casa al mattino portati l’ombrello e gli occhiali da sole”. Basta partire attrezzati quindi.

Quattro. Shopping per tutte le tasche. A Vancouver c’è molto da vedere e da comprare. Ci sono  souvenir a palate: dall’immancabile peluche portachiavi al maglioncino di dubbio interesse per il cane, tutto rigorosamente con su impresso la foglio d’acero simbolo del Canada. E c’è Robson Street, la via dello shopping per eccellenza, con grande abbondanza di vetrine. I prezzi? Più abbordabili rispetto al pienone di febbraio.

Cinque. Il richiamo dell’hockey. Considerando che un biglietto per assistere a una partita di hockey alle Olimpiadi oltre che abbastanza caro e anche pressoché introvabile, se siete degli appassionati potete consolarvi vedendo all’opera i Vancouver Canucks. Prenotate prima possibile però, le partite dei beniamini di casa sono quasi sempre sold-out.

Sei. C’è tanto da vedere. Stanley Park è uno dei 220 parchi in città e attira più di otto milioni di visitatori l’anno. Situato a ridosso del cuore della città, è circa il 10 % più grande di Central Park a New York. Se amate stare col naso all’insù, fatevi un giro tra i grattacieli di downtown e capirete perché Vancouver è considerata una delle città più verticali del Nord America. Locali notturni e pub? Granville Street. E se amate la natura o Indiana Jones, assolutamente da non perdere il “Capilano Suspension Bridge”, una breve ricerca su internet vi spiegherà perché. Buon viaggio.

Tutti i siti Sky