Caricamento in corso...
18 gennaio 2010

Napolitano: forza azzurri! Berlusconi: vorrei venire con voi

print-icon
spo

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha incontrato gli azzurri in procinto di partire per i Giochi invernali di Vancouver (foto Ansa)

Il presidente della Repubblica saluta al Quirinale gli atleti in partenza per i Giochi invernali: ''Siete motivo di fiducia per l'Italia''. Il Premier: "Invidio il capodelegazione, avrei voluto stare io un mese in Canada". LE FOTO, IL VIDEO E LO SPECIALE

LO SPECIALE OLIMPIADI

COMMENTA NEL FORUM DELLE OLIMPIADI

PROVA IL GIOCO DI VANCOUVER 2010


Il presidente della Repubblica
- Anche il mondo dello sport con il suo impegno a raggiungere determinati obiettivi e i suoi successi rappresenta un "motivo di fiducia" per l'intero Paese che sta tentando di rialzarsi dalla difficile crisi economica e finanziaria. Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano salutando al Quirinale gli atleti italiani che sono in partenza per i Giochi invernali del 12-28 febbraio a Vancouver. "I vostri successi - ha detto Napolitano - sono motivo di fiducia per il Paese, siete anche voi una componente dello sforzo collettivo che il Paese sta facendo e contribuite a tenere alto il morale". Il capo dello Stato ha promesso agli atleti di "tenersi in contatto telefonicamente" con loro e poi, con una battuta, ha osservato: "Speriamo non a ore troppo difficili, visto che con il Canada ci sono nove ore di differenza, speriamo di tenerci in contatto per i successi che otterrete. Sono sicuro che vi dimostrerete all'altezza".

Il presidente del Consiglio - "Invidio il segretario generale del Coni Raffaele Pagnozzi, capo delegazione dell'Italia alle Olimpiadi inveranali di Vancouver. Vorrei essere io al suo posto, avrei voluto essere io il capo delegazione e passare così un mese a Vancouver". Così Silvio Berlusconi nel messaggio affidato al sottosegretario alla presidenza Gianni Letta in occasione della cerimonia con la squadra olimpica e paraolimpica azzurra a Villa Madama, organizzata dal ministero degli Esteri, con la presenza del ministro Franco Frattini, del sottosegratario con delega allo sport Rocco Crimi e, appunto, Gianni Letta.

Il presidente del Coni
- Anche il presidente del Coni Gianni Petrucci è intervenuto e a Giorgio Napolitano ha detto: "Ci auguriamo di riportare in Italia tanti titoli e di ricevere le sue telefonate di complimenti, come fu nelle precedenti Olimpiadi: Presidente, chi chiami anche di notte. Lei ha cambiato il modo di vedere lo sport. Di recente ha lanciato due appelli: per l'ingresso dello sport nella scuola e per il finanziamento automatico dello sport. Il primo è diventato realtà, il secondo punto lo stiamo ottenendo". Un ringraziamento è andato al sottosegretario Gianni Letta, "l'angelo custode dello sport".

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Tutti i siti Sky