Caricamento in corso...
23 gennaio 2010

Il Diario di Vancouver: la torcia a Canmore, come 22 anni fa

print-icon
spo

Thomas Grandi, la sua bambina e... il sacro fuoco di Olimpia all'arrivo a Canmore, (Alberta, Canada)

Thomas Grandi, ex sciatore canadese e talent di SKY Sport per i Giochi invernali, ci racconta l'emozionante viaggio della fiamma olimpica (45mila chilometri in 106 giorni). "Tutto il paese si è fermato, era successo anche per Calgary '88". LO SPECIALE

LO SPECIALE OLIMPIADI

PROVA IL GIOCO DI VANCOUVER 2010


di Thomas Grandi*

La torcia Olimpica è finalmente passata a Canmore (Canada), continuando così il suo tragittò di 45.000 chilometri in 106 giorni verso Vancouver. Il nostro paese si è completamente alle 4 del pomeriggio solo per vederla passare. Anche 22 anni fa la fiamma di Olimpia arrivò qui. Canmore, infatti, era il sito degli eventi nordici per i Giochi di Calgary '88.

Con l'arrivo della torcia tanti hanno indossato le divise da volontari usate per quelle Olimpiadi; molti altri, invece, si sono emozionati ricordando quei giorni magici.

Ventidue anni fa avevo quindici anni e mi cimentavo nelle prime gare del circuito FIS. Ricordo che allora mi preparavo per fare l'apripista del Gigante olimpico. Purtroppo pochi giorni prima della gara, in una discesa libera a Panorama, mi sono infortunato. Drammatica la diagnosi: rottura del ginocchio. E così le gare le ho guardate sulle stampelle...

Immaginate la delusione. Ci sono rimasto male soprattutto perché Alberto Tomba, che era il mio idolo e che ha vinto 2 medaglie d'oro, era partito con il pettorale numero uno. Io sarei sceso prima di lui!

Seguendo con grande attenzione le gare olimpiche, però, ho avuto ben chiaro quello che un giorno avrei voluto realizzare: gareggiate su un palcoscencio così importante. Mia moglie Sara ha provato le stesse sensazioni nel guardare da casa le gare di fondo. E se è vero che dalla tv alla realtà il passo non è breve, anche lei ora ha iniziato a sognare trionfi e medaglie osservando e apprezzato quel grande spettacolo che sono le Olimpiadi.

La torcia è arrivata al centro nordico mentre Sara si stava allenando. Si è fermata pure lei a guardare con me e la bambina l'arrivo del sacro fuoco. Chissà se anche per nostra figlia, Aria, nonostante la tenerissima età, ha appena 3 anni, da oggi è iniziato il sogno olimpico...

*(talent di SKY Sport)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

Tutti i siti Sky