Caricamento in corso...
11 febbraio 2010

Vancouver, sotto chiave gli slittini azzurri

print-icon
sli

Armin Zoeggeler (foto Lp)

I bolidi del ghiaccio vengono tenuti chiusi in un hangar: del resto anche la tecnologia ha un grande ruolo in questa disciplina. L'aerodinamica, infatti, è stata sviluppata utilizzando una galleria del vento in collaborazione con la Ferrari

SCOPRI LO SPECIALE OLIMPIADI

LE OLIMPIADI VISTEA DA GOOGLE MAPS

COMMENTA NEL FORUM DELLE OLIMPIADI

Le Ferrari del ghiaccio sono sotto chiave: una cassaforte di sicurezza quella studiata dal clan azzurro dello slittino, che in attesa dell'esordio con la gara individuale ai Giochi di Vancouver, tiene lontani gli avversari per non scoprire i segreti. In particolare la slitta delle meraviglie di Armin Zoeggeler che a Whistler sabato comincia la corsa al terzo oro olimpico di fila, dopo quelli di Salt Lake e Torino. Bocche cucite e stampa tenuta a distanza, l'Italia del tobago preferisce arrivare al grande giorno senza distrazioni. Così vuole Walter Plaikner, oro nel doppio a Sapporo 72, e oggi grande mente della squadra azzurra. I bolidi del ghiaccio li tiene chiusi in un hangar, senza permettere a nessuno di avvicinarsi: del resto anche la tecnologia ha un grande ruolo in questa disciplina, che si è servita della collaborazione con la Ferrari e dei test nella galleria del vento, proprio per mettere a punto l'aerodinamica degli slittini.

Tutti i siti Sky