Caricamento in corso...
20 febbraio 2010

Duemila persone per l'ultimo saluto a Kumaritashvili

print-icon
sli

Lo slittino vuoto di Kumaritashvili pochi istanti dopo il volo fuori pista

Anche il presidente della Georgia ha partecipato ai funerali dello slittinista morto a Vancouver. Lo zio e allenatore del ragazzo: "Posso affermare che se il bordo della pista fosse stato più alto oggi Nodar sarebbe con noi". VIDEO E FOTO DELL'INCIDENTE

SCOPRI LO SPECIALE OLIMPIADI

LE OLIMPIADI VISTE DA GOOGLE MAPS

COMMENTA NEL FORUM DELLE OLIMPIADI

LA DISCESA FATALE: IL VIDEO

Almeno 2.000 persone - tra le quali il presidente georgiano Mikhail Saakashvili - hanno partecipato ai funerali di Nodar Kumaritashvili, lo slittinista morto il 12 febbraio, a poche ore dalla cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di Vancouver, urtando un palo a bordo pista ad oltre 144 km orari, dopo aver perso il controllo del mezzo durante una sessione di prove. Ed al dolore per la scomparsa dell'atleta, appena 21enne, si sono mescolate la rabbia e le polemiche sulla sicurezza del tracciato di Whistler. "E' morto per la Georgia, è morto per questo sport. Siamo una famiglia distrutta dal dolore", ha mormorato il padre, David.L'inchiesta condotta congiuntamente dal Cio e dalla Federazione internazionale dello slittino ha concluso che la pista non presentava anomalie tecniche, quindi Kumaritashvili e' stato ucciso da un proprio errore, commesso nell'affrontare le ultime curve (anche se subito dopo sono stati apportati  aggiustamenti al tracciato e abbassata la linea di partenza per ridurre la velocita').Un'autoassoluzione che gli altri atleti, gli amici ed i parenti del giovane non accettano.

A cominciare dal presidente del Comitato olimpico georgiano, Giorgi Natsvlishvili, che ha parlato apertamente di "norme di sicurezza non rispettate". Ed anche per lo zio ed allenatore del ragazzo, Felix, la pista resta la principale responsabile della tragedia: "Posso affermare con certezza, e lo conferma l'intera comunità mondiale dello slittino, che se il bordo fosse stato più alto, oggi Nodar sarebbe ancora con noi". Il corpo di Kumaritashvili, rientrato in patria mercoledì, è stato trasportato, coperto dalla bandiera georgiana, fino alla casa della famiglia, a Bakuriani, piccolo villaggio sulle montagne, circa 180 chilometri ad ovest di Tbilisi, e qui sepolto nel cimitero della chiesa locale. Accanto alla bara è sempre rimasta la madre Dodo. Quel che più addolora gli amici è proprio che gli organizzatori abbiano gettato tutta la colpa dell'incidente su Nodar, la cui inesperienza - era alla prima Olimpiade - avrebbe causato l'errore fatale. "Qui, come in tutto il resto della Georgia - hanno sottolineato - siamo certi che Nodar e' stato ucciso dalla carenza delle misure di sicurezza".

Tutti i siti Sky