Caricamento in corso...
27 luglio 2011

Londra 2012 meno un anno. Oggi videochat olimpica su Sky.it

print-icon
spo

Fiona May, ex campionessa azzurra del salto in lungo, oggi in videochat con Fayna (Foto Ansa)

Alle 16 Fiona May in diretta web con Fayna, in serata su Sky Sport 1 lo Speciale “Pronti, partenza, via". Intanto, a 12 mesi dalla cerimonia di apertura, il Locog annuncia che poco meno del 90% degli impianti sono pronti. Rispettati tempi e budget

Fiona May "salta" con Sky. I Giochi in 3D

Entra qua per partecipare alla videochat!


Sono già 42 i pass azzurri per Londra 2012


Da oggi sono 365 i giorni che ci separano dalle prossime Olimpiadi. Tra un anno gli occhi del mondo saranno tutti per Londra: per 17 giorni la capitale britannica si trasformerà in epicentro di una festa planetaria di sport e non solo, con numeri e dimensioni da record ma anche timori logistici per i trasporti interni e preoccupazioni legati alla sicurezza.

Anche Sky.it si occuperà della specialissima ricorrenza, con una videochat dalle 16 alle 16.30. Il nostro abituale Fayna, con l'ex saltatrice Fiona May e con Fabrizia d'Ottavio , risponderà infatti in diretta web a tutte le domande degli appassionati. Un'occasione da non mancare. Appuntamento quindi, in prima serata, con “Pronti, partenza, via – Verso Londra 2012”, uno speciale in onda in diretta su Sky Sport 1 HD. Giovanni Bruno, in compagnia di ospiti e campioni olimpici, tra cui il Presidente e il Segretario Generale del Coni, Gianni Petrucci, e Raffaele Pagnozzi, Stefano Baldini, Fiona May e Francesca Porcellato, riproporrà le storie più belle delle passate edizioni dei Giochi: curiosità, retroscena, medaglie e atleti che hanno fatto la storia dei cinque cerchi.

A 12 mesi dalla cerimonia di apertura il comitato organizzatore (Locog) annuncia intanto con orgoglio che poco meno del 90% degli impianti sono pronti. Rispettati tempi di consegna e budget. Un successo già di per sé, anche se Sebastian Coe, presidente del Locog (The London Organising Committee of the Olympic and Paralympic Games), ovvero il comitato organizzatore, scaccia i toni trionfalistici: "Sta per iniziare l'anno più difficile". Perché i Giochi sono sì la massima celebrazione dello sport, l'evento più teletrasmesso al mondo, ma soprattutto un appuntamento ciclopico che richiamerà a Londra 10.500 atleti da più di 200 nazioni, 5.000 dirigenti e allenatori, oltre 20.000 persone impiegate nei media (giornalisti, cameraman, produttori, etc), oltre ovviamente a centinaia di migliaia di appassionati. Un'invasione pacifica che stravolgerà la quotidianità di Londra e costringerà le forze dell'ordine ad innalzare le misure di sicurezza per proteggerne i luoghi iconici come Westminster, la Tower of London e Buckingham Palace.

Dalla strage di Monaco (1972) le Olimpiadi sono sempre state esposte alla minaccia terroristica, a maggior ragione in una città come Londra che è già stata attaccata proprio all'indomani dell'assegnazione dei Giochi 2012. Durante le gare le autorità competenti hanno già annunciato che il livello di allerta verrà alzato a "severo", con ispezioni agli ingressi degli impianti e negli aeroporti, controlli speciali in metropolitana e nelle stazioni ferroviarie e circa 12.000 agenti in servizio ogni giorno. Solo per la sicurezza è stato stanziato un budget di 550 milioni di euro che prevede anche l'installazione di decine di telecamere a circuito chiuso nel villaggio olimpico. L'altro grande sfida è rappresentata dai trasporti: quelli londinesi sono già stati ribattezzati "i Giochi dei trasporti pubblici".

Gli spettatori potranno raggiungere le sedi di gara solo in metropolitana, in bus o con treni ad alta velocità in partenza dalle stazioni di St.Pancras e Stratford. Miliardi di euro sono stati spesi per i necessari ammodernamenti e le possibili migliorie ma è tutto da verificare se la rete di trasporti saprà reggere l'urto di un aumento improvviso di 300mila unità giornaliere. Nel quartier generale del Locog regna comunque l'ottimismo perché i lavori di costruzione sono quasi completati, il budget complessivo di 11 miliardi non è stato sforato, e il villaggio olimpico ha già cambiato il volto di tutta la zona est della metropoli britannica.

E se Atene era arrivata alla cerimonia d'inaurgurazione con il fiato corto (2004) per gli abissali ritardi organizzativi, e Pechino 2008 era stata accompagnata dalle minacce di boicottaggio per la questione Tibet, Londra sta vivendo una vigilia di relativa calma e armonia. Sia sul fronte internazionale che interno. Un clima di festa nazionale confermato anche dalla corsa al biglietto: 6.6 milioni di tagliandi venduti a fronte di 22 milioni di richieste. Ormai solo alcune partite di calcio, pallavolo e lotta non sono esaurite. Dal nuovo stadio olimpico al moderno velodromo, dalla Horse Guards Parade sede del beachvolley ad Hyde Park teatro del triathlon, e ancora Wimbledon, il Lord's e Greenwich Park: tutto è già pronto, la febbre olimpica si fa sempre più alta.

Guarda anche:
Sky, ecco la stagione infinita. Tutto lo sport del mondo

NEWS -
Londra 2012 made in Italy: un Mondo di Giochi

FOTO - Londra, cantiere aperto aspettando il 2012

Tutti i siti Sky