Caricamento in corso...
09 febbraio 2012

L'azzurro Kirchler sogna i Giochi. E si congela a -110 gradi

print-icon
kir

Il discobolo Hannes Kirchler ha scelto di congelarsi a meno 110 gradi per inseguire il sogno di Londra 2012 (Foto dal suo sito web)

Ha scelto l'allenamento estremo, verso Londra 2012, il sei volte campione italiano del lancio del disco. E' volato in Germania al centro di Kienbaum per prepararsi con l'iridato Robert Harting. Il discobolo vuole partecipare per la seconda volta ai Giochi

SPECIALE: tutto sulla marcia verso Londra 2012

VIDEO -
Il sogno paralimpico, verso Londra 2012: tutti i video di "Share your dream"

FOTO -
A casa di... Francesca Piccinini - Tutte le Principesse rosa dello sport azzurro - Quando l'Olimpiade fa la guerra alle guerre - Un 2011 tutto già a cinque cerchi...

GUIDA TV - Obiettivo: Londra 2012 - Le Olimpiadi secondo Sky: così sarà Londra 2012

Congelarsi a meno 110 gradi per inseguire il sogno di Londra 2012. Ha scelto l'allenamento estremo il discobolo Hannes Kirchler, volato in Germania al centro di preparazione di Kienbaum per prepararsi con l'iridato Robert Harting. L'azzurro, sei volte campione italiano del lancio del disco, vuole partecipare per la seconda volta di fila ai Giochi Olimpici e per questo sta scegliendo anche strade inconsuete: una ha portato il carabiniere altoatesino ad un raduno con il bi-campione del mondo Harting vicino a Berlino. Lì, Kirchler si è fatto congelare anche in una camera del freddo a meno 110 gradi. In aprile, Harting verrà ad allenarsi con Kirchler a Tirrenia.

Kirchler, 33 anni, fa di tutto per rivivere il sogno olimpico: "Adesso so perchè i tedeschi hanno ottenuto tutti questi successi nelle discipline tecniche - racconta Kirchler, che parla anche dell'esperienza al gelo - Camminare nella camera con il costume da bagno, scarpe, berretto e mascherina per due minuti a meno 110 gradi non è piacevole ma ci si adegua". La crioterapia, usata per curare malattie reumatiche, nello sport sport viene impiegata per velocizzare la rigenerazione dopo allenamenti intensi. Il carabinieri di Merano paga di tasca sua queste trasferte finalizzate al sogno olimpico: sono chiesti 65 metri, misura che Kirchler ha superato una volta già nel 2007. "Ci credo davvero e sono molto motivato", spiega Kirchler, che ha ritrovato fiducia anche anche grazie alla collaborazione con Monika Niederstaetter, ex ostacolista azzurra e ora psicologa sportiva. Kirchler aprirà la stagione agonistica il 25 febbraio ai campionati italiani invernali dei lanci a Lucca, ma la vera rincorsa al minimo olimpico inizierà solo dopo.

Tutti i siti Sky