Caricamento in corso...
26 giugno 2012

Andrea Di Nino, un italiano alla guida della Russia a Londra

print-icon

A un mese esatto dai giochi, per la prima volta nella storia, tra i sette tecnici della nazionale Olimpica russa di nuoto ci sarà uno straniero. Questo onore toccherà all'head-coach dell'Adn Swim Project. Un po' d'azzurro anche nel Kenya con Matteo Giunta

Ci sarà anche un po’ d’Italia in acqua con la Russia all’Aquatics Centre di Londra. Per la prima volta nella storia, infatti, tra i sette tecnici della nazionale Olimpica di nuoto russa ci sarà uno straniero. Quel tecnico è l’italianissimo Andrea Di Nino. Romano di nascita, romanista di fede calcistica, ma friulano a tutti gli effetti. Di Nino è l’head-coach dell’Adn Swim Project. Un team di nuoto di elitè internazionale che può vantare ben quattro atleti qualificati ai prossimi giochi: tutti stranieri. I kenioti bianchi Jason e David Dunford e i russi Evgeny Korotyshkin e Sergej Fesikov.

Per Di Nino, già parte della spedizione serba ai Mondiali di Roma e Shanghai, si tratta della seconda presenza alle Olimpiadi dopo quella con Trinidad ad Atene nel 2004. La convocazione, come tecnico di una delle nazionali storicamente più forti del nuoto mondiale, con Australia e Stati Uniti, è solo l’ultimo tassello di una carriera strabiliante cominciata negli States nel 2003 come assistente di Michael Lobherg a Coral Springs.

A Di Nino, dopo aver portato alla conquista di tante medaglie europee e mondiali i vari Cavic, Korotyshkin e Fesikov (solo per citarne alcuni), manca solo la ciliegina sulla torta: condurre uno dei suoi ragazzi, che stanno ultimando la preparazione a Caserta, alla medaglia più importante: quella olimpica. Potrà farlo anche grazie al supporto di Matteo Giunta, ex nazionale azzurro, che dal 2009 oltre al ruolo di preparatore atletico del gruppo Adn segue anche il due volte campione del mondo Filippo Magnini ed il velocista Santucci. Anche Giunta infatti sarà a Londra, ovviamente non con l’Italia, ma come head-coach del Kenya. Insomma, un altro pezzo d’Italia all’Aquatics Centre di Londra.

(L.V.)

Tutti i siti Sky