Caricamento in corso...
23 luglio 2012

Londra, la "Ditta" è pronta: ecco i Giochi secondo i Reali

print-icon
por

Sir Chris Hoy, il ciclista scozzese vincitore di tre medaglie d'oro a Pechino

Mentre Sir Chris Hoy, il ciclista vincitore di tre medaglie d'oro a Pechino, è stato nominato portabandiera britannico, ecco il calendario degli impegni della Regina. Will, Kate e Harry daranno intanto il benvenuto alla torcia giovedì a Buckingham Palace

Sir Chris Hoy, il ciclista scozzese vincitore di tre medaglie d'oro ai giochi di Pechino, è stato nominato ufficialmente portabandiera del team olimpico britannico. La decisione è stata presa dopo un sondaggio condotto tra i 542 atleti della delegazione di sua maestà. "Sono felice di poter dire che porterò la bandiera durante la cerimonia di apertura", ha commentato Hoy su Twitter. "Un onore gigantesco".

Ma, a proposito di maestà: la regina Elisabetta aprirà i Giochi, poi passerà ai giovani il testimone: Will, Harry e Kate rappresenteranno la famiglia reale britannica alle Olimpiadi di Londra 2012 facendo il tifo per la Union Jack in discipline come il nuoto, l'hockey, il ciclismo, il tennis e, per la gioia del secondogenito di Carlo e Diana, le ragazze in bikini del beach volley.

Ai Duchi di Cambridge ruoli più paludati, mentre per Harry Buckingham Palace ha preferito comparsate in stile 'comic relief'. Il principino, che qualche mese fa ha cominciato a viaggiare  nei paesi del Commonwealth per conto della Royal Family, in marzo aveva sfidato nello stadio di Kingston Usain Bolt facendo "mangiare la polvere" all'uomo più veloce del mondo grazie a una falsa partenza di parecchi metri. Bolt si era limitato a trotterellargli dietro sulla pista, poi cavallerescamente gli aveva chiesto la "rivincita": succederà a Londra?

Will, Kate e Harry daranno il benvenuto alla torcia olimpica giovedì a Buckingham Palace. L'indomani con la nonna, il Duca di Edimburgo ed altri senior royals presenzieranno alla cerimonia inaugurale dopo il ricevimento offerto a Palazzo dalla Sovrana per i capi di Stato e di governo stranieri intervenuti ai Giochi.

Per la Firm (la Ditta), come è scherzosamente chiamata la famiglia reale britannica, i Giochi sono un modo per mettere l'imprimatur della Corona sul brand britannico dopo il successo del Matrimonio Reale l'anno scorso e, in giugno, del Giubileo di Diamanti. Dopo aver fatto la loro parte (a Buckingham Palace, Elisabetta riceve il Cio), sabato la Regina e il marito faranno un giro al Parco Olimpico, poi però i due arzilli "vecchietti" (86 anni lei, 91 lui) lasceranno Londra per la Scozia come migliaia di altri londinesi.

Spetterà allora ai giovani fare da ambasciatori in loro nome in decine di visite alle varie Case dei paesi dell'ex impero: "Incontreranno ogni tipo di persone, vip e gente comune, volontari e cuochi del Villaggio Olimpico: tutti quelli che hanno permesso il successo di questa Olimpiade", ha detto una fonte di Palazzo. E per una della "nuova guardia" c'è anche un posto in campo: Zara, la figlia della principessa Anna, si è infatti qualificata per gareggiare nella squadra britannica di equitazione.

Tutti i siti Sky